Archive for 18 marzo 2011

Creating Capabilities, Martha Nussbaum

18 marzo 2011

 

Creating Capabilities. The Human Development Approach è l’ultima opera dell’importante filosofa, docente alla University of Chicago, Martha Nussbaum.

Se il Prodotto Interno Lordo (Gross Domestic Product) di un paese cresce ogni anno, ma paraallelamente cresce con lui anche la percentuale delle persone private di un’educazione elementare, di un livello di salute accettabile e di altre fondamentali opportunità, allora si può dire che questo paese stia crescendo? E che cos’è la crescita? Che cosa comporta? È un obiettivo ragionevole e felice?

Notare le convergenze con Serge Latouche.

 


In questa sua grossa critica, l’autrice denuncia il fatto che le teorie dominanti della crescita hanno calpestato i dettati centrali della Dichiarazione dei Diritti dell’Umanità: ogni uomo ha possiede il diritto imprescindibile a una vita dignitosa e rispettosa della sua natura “umana”.

Perché ora  miliardi di uomini di questo mondo vivono una vita indegna di essere vissuta (per fame, malattie e stenti)?

Nei passati 35 anni l’autrice ha ricercato la via di un modello di crescita alternativo: The Capabilities Approach. Su questi interrogativi fondamentali: Cosa ciascuna persona può fare e può essere? Quali reali possibilità sono disponibili per loro?

 


Finora questa teoria è stata di dominio esclusivo dei ricercatori del settore. La filosofa di Chicago ora offre a chiunque sia interessato alle teorie e alle dinamiche del progresso dell’umanità, una lucida descrizione della struttura di un modello alternativo e delle sue implicazioni pratiche.

 

 

 

Le immagini visualizzate sono fotografie di Tommy Smith, Bob Beamon e Jesse Owens. Le loro imprese e capacità straordinarie sono associate all’argomento del post come emblema del talento e della potenza inespressa (il più delle volte) delle popolazioni sottomesse dal capitalismo.


 

Il libro

Martha Nussbaum, Creating Capabilities. The Human Development Approach, Harvard University Press, 2011

 

 

L’autrice

 

 

 

La casa editrice

 

 

 

La libreria

 

 

 

AC

Le mots de ma vie, Bernard Pivot

18 marzo 2011

 

Le mots de ma vie è il dizionario autobiografico (edito da Albin Michel) di Bernard Pivot, il conduttore della più famosa trasmissione televisiva letteraria del mondo.

Per quasi trent’anni ha ricevuto milioni di francesi nel salotto di Apostrophes, diventato poi Bouillon de culture, diffusa anche in America e Italia attraverso France 2. Oltre mille puntate, una messa laica, dialoghi entrati nella storia televisiva con Nabokov, Barthes, Simenon, Kundera, Foucault, Solzenitsyn. Per tacere di molti altri. Un format unico, mai più replicato. Generazioni intere hanno imparato con lui ad amare i libri e la scrittura.

 


Dopo tanti incontri letterari, alcuni anche entusiasmanti, ho capito che il miglior modo di frequentare uno scrittore rimane leggere i suoi libri.

Ho avuto la fortuna di lavorare nella televisione, quando era ancora un servizio pubblico e non esisteva la dittatura degli ascolti. Il mio segreto è stato mischiare alto e basso, un accademico coltissimo con un romanziere popolare.

 


 

 

Il libro

Bernard Pivot, Le mots de ma vie, Albin Michel, Paris, 2011

 

 

L’autore

 

 

La casa editrice

 

La libreria

 

 

 

AC