Archivio per la categoria ‘Michela Marzano’

La filosofia del corpo, Michela Marzano

11 gennaio 2011

La filosofia del corpo è il risultato della ricerca della brillante filosofa Michela Marzano docente ordinario presso l’Università di Parigi V René Descartes.

È in un corpo e con un corpo che ciascuno di noi nasce, vive e muore; è con il corpo che ci rapportiamo agli altri e affrontiamo il mondo. Che cos’è un corpo? Che cosa significa essere un corpo? Che rapporto abbiamo con esso?  È a partire da queste domande che può svilupparsi una filosofia del corpo.

La filosofia del corpo è un concetto ideato da una corrente di filosofi, cognitivisti e ricercatori di intelligenza artificiale secondo i quali la natura della mente umana sarebbe ampiamente determinata dalla forma del corpo umano. Sostengono che tutti gli aspetti della cognizione—idea, pensieri, concetti e categorie sarebbero plasmati da aspetti del corpo.

 

Michela Marzano

…Quando ho intrapreso gli studi di filosofia, avevo cominciato con un’idea abbastanza semplice e un po’ naif nel senso che l’idea era di poter dire qualcosa rispetto a quello che succede nella vita di tutti i giorni, nella società, quindi di poter intervenire nel dibattito pubblico con gli strumenti filosofici. Anche se ho avuto una formazione come storica della filosofia, in realtà non volevo occuparmi di storia della filosofia, e non volevo nemmeno occuparmi di filosofia analitica perché ad un certo punto nel mio percorso di dottorato l’avevo anche incontrata; mi sembrava che ci fosse una distanza troppo grande rispetto a queste ricerche filosofiche certo interessanti e la vita di tutti i giorni con i problemi che ognuno di noi incontra. Una delle finalità della filosofia in fondo è quella di poter dare a tutti degli strumenti critici per poter poi prendere delle decisioni che ci riguardano. In questo senso, il corpo rappresentava per me il punto di partenza, anche in maniera un po’ paradossale rispetto alla storia della filosofia…

Il discorso un po’ complicato legato al corpo è che effettivamente il corpo rinvia da un lato a qualcosa di impuro, nel senso che rinvia a tutto ciò che è corruzione rispetto ad una purezza disincarnata quindi rinvia effettivamente anche all’idea della morte e al tempo stesso a tutte le possibilità che ci si aprono davanti a partire dal momento in cui si assume la materialità del proprio corpo. L’aspetto di puro e impuro, sempre presente quando si parla del corpo e della vita umana in generale, è il segno di un’ambivalenza profonda che ci caratterizza tutti e che ci permette al tempo stesso di realizzare ciò che c’è di meglio (e di peggio)…

ci sono dei momenti della vita in cui è quasi necessario passare per una riduzione a corpo-oggetto, nel senso che ognuno di noi attraversa dei momenti in cui non è altro che un corpo che altri possono utilizzare; c’è una forma di reificazione e di auto-reificazione attraverso cui è quasi necessario passare per poter poi prendere coscienza del fatto che si è qualcosa di più di un semplice corpo-oggetto… La problematicità è quella di non perdere di vista il fatto che in ogni momento ognuno di noi è al tempo stesso soggetto e oggetto. C’è qualcosa in particolare nel desiderio sessuale che in fondo ci riduce ad essere oggetto del desiderio dell’altro; il punto è che dovremmo cercare di restare anche soggetti del nostro desiderio per fare sì che la relazione possa instaurarsi, per fare in modo che ci sia qualcosa che rilevi dell’intersoggettività che possa costruirsi e non unicamente un rapporto di utilizzazione….

 

Il libro

Michela Marzano, La filosofia del corpo, Il Melangolo, Genova, 2010

 

Libro in lingua francese: La philosophie du corps (PUF 2007)

 

Altri libri dell’autrice

Estensione del dominio della manipolazione (Mondadori 2009)

Sii bella e stai zitta. Ecco parché l’Italia di oggi offende le donne (Mondadori 2010)

Le Corps: Films X : Y jouer ou y être, entretien avec Ovidie (Autrement 2005) 

Malaise dans la sexualité: le piège de la pornographie (JC Lattes 2006)

Dictionnaire du corps (PUF 2007)

Extension du domaine de la manipulation, de l’entreprise à la vie privée (Grasset et Fasquelle, Essai, Critique, 2008)

 

 

AC                                                                 LibOn.it

Fonte: Ilmelangolo.com ; Gliocchiblimunda.com