Il governatore delle acque, Nicola Baronti

Il governatore delle acque, Nicola Baronti.  Eccolo su LibOn.it

Da La poesia e lo spirito

Il fascino e il segreto profondo delle acque e del rifugio che costituiscono per una mente tormentata è costituito dal ricordo della madre e dal desiderio di ritornare ad essa, nel suo grembo accogliente e sicuro. È quanto accade a Leonardo che – nei versi del poemetto di Baronti – proprio attraverso il loro percorso (e i lavori costruiti per imbrigliarle e renderle feconde e produttive) manifesta la sua nostalgia per una madre perduta, Caterina, di cui ancora oggi non conosciamo esattamente identità e storia della vita. Scrive l’autore nella cospicua Nota (Un percorso d’acqua e di terra) che precede il testo poetico:

«Nel XIV secolo, i Governatori delle acque erano ufficiali con il compito di controllare che le acque defluissero regolarmente sul territorio dei comuni presenti nel contado fiorentino. Il Governatore di questa storia sovrintendeva in particolare sui rivi e i corsi originati da sorgenti di acque perenni in una lama sottile, alle pendici del Montalbano fiorentino, a poche centinaia di metri da un luogo denominato Anchiano, dove secondo una tradizione popolare nacque Leonardo da Vinci. La zona è ricca di rii, torrenti, fiumi e giù in valle una palude (il Padule di Fucecchio), acque ricordate in molti testi fin dall’antichità. […] Il percorso d’acqua che i versi propongono è suggestivo e particolare per i molti riferimenti storici e letterari: nei primi tratti è tormentato, come la fanciullezza e l’adolescenza del protagonista, evocando la sua storia di abitatore di queste terre. È tuttavia anche un tragitto di terra, con acque una volta operose, come testimoniano i resti dei mulini che ancora s’intravedono nel mezzo della vegetazione a segnare, seppure nel passaggio dei tempi, l’antico connubio fra l’uomo e la natura circostante» (pp. 7-8).

Articolo di Giuseppe Panella, La poesia e lo spirito

 

AC                                                  LibOn.it



%d blogger cliccano Mi Piace per questo: