Il secolo del rumore, Stefano Pivato

Il secolo del rumore, originale saggio di Stefano Pivato, mette in luce il passaggio da una società del silenzio a una società del rumore, che avviene tra Ottocento e Novecento.

Se potessimo riproiettarci nel mondo di un paio di secoli fa, la prima cosa che ci colpirebbe sarebbe il silenzio totale.

La rivoluzione industriale e tecnologica ci ha abituati al rumore. La nostra vita, il nostro stare-nel-mondo è ormai interamente assuefatto a una dimensione rumorosa, farcita di decibel.  Quasi lo sentiamo necessario e saturiamo con musiche “di sottofondo” spazi privati e pubblici per sfuggire al disagio del silenzio.

Ricorrendo a una sorprendente messe di testimonianze, Pivato racconta come il rumore segni il Novecento, non solo con i frastuoni della modernità industriale, ma anche con il fragore della guerra (celebrato dai futuristi) e della moderna politica di massa.

Stefano Pivato è professore di Storia Contemporanea, attualmente Rettore dell’Università di Urbino. Con Il Mulino ha pubblicato Il nome e la storia (1999), La storia leggera (2003), Il Touring club italiano (2006). Da ultimo ha curato con L. Veri e N. Cangi, In bicicletta. Memorie sull’Italia a due ruote (2009).

Stefano Pivato, Il secolo del rumore, Il Mulino, Bologna, 2011

AC                                                   LibOn.it


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: