Tutto sulla Finlandia, Erlend Loe

Tutto sulla Finlandia è un tuffo in un ipotetico gelido lago finlandese alla ricerca del big fish, della grande idea.

“Devo abbandonare la superficie e addentrarmi nel profondo. Fino ai pesci più nascosti, quelli che solo gli esperti sanno come si chiamano e come vivono” (p. 59). L’immagine dell’acqua impregna davvero il libro di Loe, in quanto il suo personaggio fa sogni “bagnati” e parlando di Finlandia è inevitabile citare i suoi 187/188 laghi, cioè a dire 27,3 finlandesi per lago, anche se “l’importante a questo punto è evitare del tutto di menzionare il film Waterworld” (p. 66).

È un romanzo che si presenta come una brochure. O meglio, come la storia di una brochure che nasce sotto una cattiva stella e finisce ancora peggio. È la storia di un classico protagonista loeiano – confuso, logorroico, ossessivo e a tratti apodittico. La scrittura di Loe corrisponde alla sua visione del mondo: manichea e dislessica; lo vediamo approfondire solo alcuni aspetti della realtà, e rivolgersi al lettore in prima persona con una captatio benevolentiae accidiosa e seducente.

Non è un libro per tutti, Tutto sulla Finlandia. Chi ha amato alla follia Doppler e Volvo e ha trovato un po’ stucchevole il bestseller Naif.Super, troverà l’autore in discreta forma, magari un po’ estenuante ma prodigo di chicche. Da un videogioco di motocross descritto come se fosse un pezzo di mobilio della Recherche proustiana all’abitudine di chiamare la propria sorella La Sorella, dal sarcasmo impagabile delle citazioni in inglese al modo in cui il narratore liquida ogni singolo popolo di questo mondo: “quei pazzi di” – completare con italiani, tedeschi, russi e, sì, finlandesi. Come Baltica 9. Guida ai misteri d’oriente (2009) di Nori, anche Tutto sulla Finlandia è un simpatico bluff, o meglio, quel che resta di una brochure turistica affogata in un lago di pensieri, parole, opere e omissioni, che a seconda del lettore può repellere o  appagare.

Erlend Loe, Tutto sulla Finlandia, Iperborea, Milano, 2008. Traduzione di Giovanna Paterniti.

 

AC                                                          LibOn.it

 

Fonte: Lankelot.eu


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: