Illuminismo, utopia, tirannide, Michele Battini

Illuminismo, utopia, tirannide è una rigorosa ricostruzione filologica della storia del socialismo europeo. Un confronto tra storiografia e antropologia economica sui temi più controversi: come funziona la società e come nasce la tirannia?

Il libro sarà adottato per gli insegnamenti di Istituzioni di storia contemporanea e Storia contemporanea III (Laurea triennale: Storia, STO1) e di Storia della politica (Laurea magistrale: Storia e civiltà, STC1) presso l’Università degli studi di Pisa.

Negli ultimi decenni la cultura occidentale è stata dominata dal pensiero economico e giuridico neoliberale, ispirato dalla scuola di F. von Hayek e dei suoi allievi di Chicago. Secondo i neoliberali la cultura europea è stata viziata dalla pericolosa illusione di costruire attraverso la legge e lo Stato la “giustizia sociale”.  Il miraggio di nuove istituzioni “perfette” o di nuovi rapporti economici anticapitalistici andrebbe imputato all’Illuminismo, dal quale sarebbero derivati tutti i movimenti socialisti e lo stesso sistema totalitario comunista.

Tra i padri di questo paradigma è stato a lungo menzionato Élie Halévy, uno dei più importanti storici del secolo XX, studioso dell’utilitarismo, del socialismo europeo e della società britannica.

Battini smentisce questa tesi con i risultati di una lunga ricerca tra gli inediti dell’archivio di Élie Halévy. Rivela come essa sia il frutto della pubblicazione postuma della sua opera sul socialiamo europeo, risultato di manipolazioni e interpolazioni di testi autografi.

 

Il libro

Michele Battini, Illuminismo, utopia, tirannide, Bollati Boringhieri, Torino, 2010

 

Altre opere dell’autore: Il socialismo degli imbecilli: propaganda, falsificazione, persecuzione degli ebrei (Bollati Boringhieri, 2010); Peccati di memoria: La mancata Norimberga italiana (Laterza, 2003).

 

L’autore

Michele Battini

 

AC                                                       LibOn.it


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: