Mosche d’inverno, Eugenio Baroncelli

 

In Mosche d’inverno. 271 morti in due o tre pose, la morte è realizzazione perfetta della vita.

È la chiave scelta da Baroncelli, in questi fulminanti microracconti, per rievocare le circostanze pratiche e spirituali del trapassare di altrettanti protagonisti della storia, della mente, della cultura, della memoria personale e collettiva.

Sono quindi tanatografie, per così dire, o biografie ironiche, colte, capziose, prese da un particolare della vita, come una tela si prende da un lembo, che nel caso è la morte; e anche quando questa è tanto oscura o luminosa quanto un personaggio è stato brillante o opaco, la morte si offre comunque come un’impossibile chiarificazione. Perché ci interpella, riuscendo a opporre sempre il suo abissale punto interrogativo.

Da Agrippa a Mae West, passando per centinaia e centinaia di ombre persistenti nell’immaginazione; schierate per voci: Cari agli dèi, Cuori infranti, Di cosa?, Di freddo, Di gioia, Di spada, Di un male, Fantasmi, eccetera fino a Vecchi. Ci vengono incontro, sono infatti i morti, pensa Baroncelli, a evocare noi.

 

 

Il libro

Eugenio Baroncelli, Mosche d’inverno. 271 morti in due o tre pose, Sellerio, Palermo, 2010

 

L’autore

Dicono di Eugenio Baroncelli:

 

Ascolta l’autore su Radio3 (Fahrenheit, 21/01/2011) Ascolta la puntata

 
AC                                                         LibOn.it

 

Fonte: Radio3.rai.it


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: