Archive for 3 febbraio 2011

Cristo con il fucile in spalla, Ryszard Kapuscinski

3 febbraio 2011

 

Cristo con il fucile in spalla raccoglie dieci reportage dedicati ai giovani dei Paesi del sud umiliati da regimi militari disumani. Feltrinelli li pubblica ora per la prima volta in Italia. Un’opera fondamentale nella produzione di Kapuscinski.

 

Il titolo di questa raccolta di reportage di azioni insurrezionali ribelli a cavallo tra la fine degli anni sessanta e settanta, richiama la figura del sacerdote vissuto tra i contadini dell’America Latina, che in sottana e con il fucile in spalla andò a combattere in Colombia, dove morì. Al centro del libro, il tema del sacrificio e la lotta dell’essere umano per la dignità, La figura del ribelle dotato di una ferma convinzione etica.

 

Sono reportage dal Medio Oriente, dall’Africa Orientale e dall’America Latina, di cui sono protagonisti palestinesi, siriani, libanesi, giordani, ebrei, i partigiani del Mozambico e del Salvador, l’ambasciatore della Repubblica Federale Tedesca in Guatemala Karl von Spreti e, infine, il presidente Salvador Allende e il rivoluzionario Che Guevara, di cui nel 1969 Kapuscinski aveva tradotto in polacco e pubblicato il Diario della Bolivia.


 

Uscito per la prima volta nel 1975, Cristo con il fucile in spalla fu subito acclamato come il libro dell’anno e continuamente ripubblicato. Mai apparso in Italia, fa conoscere gli inediti punti di vista di Kapuscinski, soprattutto noto per i suoi reportage africani, su altre parti del mondo, altre genti, altre tragedie.

Il libro

Ryszard Kapuscinski, Cristo con il fucile in spalla, Feltrinelli, Milano, 2011

L’autore


Ryszard Kapuscinski

Biografia su Zam.it

Biografia e articolo dedicato all’autore su Wuz.it

La libreria

 

 

 

AC                                                  LibOn.it

Fonte: Feltrinellieditore.it

Annunci

Wikileaks, David Leigh & Luke Harding

3 febbraio 2011

 

Wikileaks, Inside Julian Assange’s war on secrecy è un saggio monografico sul fenomeno mediatico-giornalistico di dimensioni planetarie, che nell’inverno 2010/2011 ha gravitato su di sé l’attenzione dei media e delle diplomazie delle principali potenze economiche occidentali.

Il racconto degli autori su Guardian.co.uk

 

Si tratta del più grande fenomeno informativo-divulgativo della storia, capace di insinuarsi tra i documenti segreti delle diplomazie e dei servizi segreti delle prime potenze mondiali, imbarazzare la casa reale d’Inghilterra, creare i presupposti per la nascita delle insurrezioni nordafricane.

L’uomo che sta dietro a tutto ciò è Julian Assange, una delle più ambigue figure che sia diventata una celebrità mondiale. È un messia o un terrorista informatico? È un eroico difensore combattente per la libertà di informazione? Tra l’altro la sua figura è stata macchiata da un processo per violenza sessuale…

 

I giornalisti vincitori del premio Guardian, David Leigh e Luke Harding, sono stati al centro del vortice mediatico Wikileaks che ha portato alla luce più di 250000 carte segrete e documenti relativi a operazioni degli eserciti presenti in Afghanistan e Iraq. Infatti per un certo periodo l’hacker dai capelli di platino si nascondeva dalla CIA nella casa londinese di David Leigh.

Ora, con l’aiuto del team di giornalisti d’inchiesta del Guardian, Leigh e Harding ripercorrono la storia incredibile di Wikileaks e del suo fondatore.

 

I libri nelle due edizioni disponibili (finora)

 

 

David Leigh & Luke Harding, Wikileaks, Inside Julian Assange’s war on secrecy, Public Affairs, 2011

 

 

 

 

 

David Leigh & Luke Harding, Wikileaks, Inside Julian Assange’s war on secrecy, Cornerstone, 2011

 

 

Gli autori

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Luke Harding

 

 

 

 

La libreria 

LibOn.it

 

 

 

 

 

AC                                                  LibOn.it