Archive for 7 febbraio 2011

Social Media Week a Roma

7 febbraio 2011

Il Social Media Week di Roma è un Festival della rete che si svolgerà, fino a venerdì 11 febbraio, in contemporanea in altre otto città del mondo: New York, San Francisco, Londra, Parigi, San Paolo, Hong Kong, Toronto e Istanbul.

Obiettivo: diffondere ad aziende, persone e istituzioni le nuove potenzialità che la rete e i social media sono in grado di offrire coinvolgendo studenti, mamme, lavoratori, imprenditori, esperti e neofiti in una maratona di 5 giorni densi di eventi gratuiti.

Gli eventi che coinvolgeranno la capitale saranno oltre 130, suddivisi in percorsi che affronteranno la conoscenza della realtà e dei nuovi canali di informazione, la crescita individuale e l’apprendimento tramite la rete e le tecnologie innovative. Ci sarà spazio anche per e-commerce, outlet online, sistemi di recensione e social shopping, unito a una maggior consapevolezza tecnologica e fiducia da parte dei consumatori. Alcune di queste iniziative vengono indicate come una possibile ricetta degli italiani per contrastare la crisi e per migliorare la vita.

 

Tra le iniziative, lappello sottoscritto da 100 personalità della rete e della tecnologia ha raggiunto oltre 10.000 adesioni su Internet, tra registrazioni sul sito e sulla pagina Facebook.

L’appello, che chiede a tutte le forze politiche di avanzare proposte entro 100 giorni per la redazione di un’agenda digitale per il paese, mira a sensibilizzare la politica e l’opinione pubblica sulla necessità di sviluppare una strategia che includa tutti gli ingredienti necessari allo sviluppo digitale dell’Italia, dalla banda larga ai servizi, dalla formazione al lavoro, dall’impresa alla pubblica amministrazione.

 

Mercoledì 9 febbraio alle 10.30, nell’ambito della Social Media Week di Roma, è programmato un evento presso la sala conferenze del Macro per parlare dell’iniziativa agenda digitale.

Previsti interventi di alcuni dei firmatari dell’appello, tra cui Oscar Giannino, Layla Pavone, Francesco Sacco, Juan Carlos de Martin, Peter Kruger.

 

Tra i politici, presenti anche Luca Barbareschi, Paolo Gentiloni, Linda Lanzillotta e Mario Valducci.

 

 

Sito di Agenda digitale.

Sito di Social Media Week.

 

L’articolo è tratto da LaStampa.it

La libreria

 

 

 

AC                                                 LibOn.it

Le donne di Allah, Anna Vanzan

7 febbraio 2011

 

Le donne di Allah è un’opera che dimostra come la lotta di liberazione femminile non è un’esperienza soltanto occidentale. Lo raccontano, e soprattutto lo dimostrano con le loro scelte di vita, le donne musulmane che Anna Vanzan ha incontrato in Egitto e nei Balcani, in Turchia e in Indonesia, in Iran e in Malesia.


 

Sono filosofe o studiose dei testi sacri. Ma anche attiviste che lottano perché lo sport agonistico non sia riservato ai soli uomini, o giovani donne che scelgono il velo per difendersi da accuse di mancanza di purezza mentre si muovono nel mondo professionale maschile.


 

Un viaggio per incontrare chi crede nel Corano come simbolo di libertà e di progresso; una galleria di figure femminili complesse, ricche di vitalità, di contraddizioni e di promesse per il futuro.

 

Anna Vanzan, islamologa e iranista, docente di Cultura islamica e Cultura Araba all’Università di Milano ci racconta di un mondo in fermento: quello delle donne islamiche. Un viaggio, che ci conduce tra donne di fede musulmana che si battono per i loro diritti secondo varie modalità, certo non un movimento omogeneo, ma, piuttosto, quello complesso di varie forme di “femminismi islamici” articolati secondo scuole di pensiero e movimenti diversi.

Un tentativo di chiarire che cosa stia accadendo all’interno dell’universo femminile musulmano, da sempre visto attraverso il filtro dei nostri stereotipi animati tanto da eurocentrismo quanto da relativismo culturale.

 

 

L’articolo riprende i siti web di Radio3 e Bruno Mondadori

Le immagini pubblicate sono fotografie di Bruno Barbey

Il libro

Anna Vanzan, Le donne di Allah, Bruno Mondadori, Milano, 2010

L’autore

Anna Vanzan

La libreria

 

 

 

AC                                           LibOn.it

Cinq mille kilomètres par seconde, Manuele Fior

7 febbraio 2011

 

Cinq mille kilomètres par seconde di Manuele Fior ha vinto il premio del miglior fumetto 2011 al Festival International de la Bande Desinée di Angouleme.


Il libro è pubblicato dalle Edizioni Coconino Press-Fandango.

Manuele Fior reçoit le Fauve d’Or, Prix du Meilleur Album parrainé par la Fnac et Sncf avec l’album Cinq mille kilomètres par seconde (Editions Atraible).

La storia d’amore tra Piero e Lucia viene presentata come il ritratto all’acquarello dei trentenni di oggi. L’Amore, idealizzato dalla lontananza, deformato dai mezzi di comunicazione sempre più veloci e brucianti, si trasforma, si esaurisce e  rivela la crudeltà del suo viso.

 

Il sito del Festival Festival International de la Bande Desinée di Angouleme.

 

 

Il libro

Manuele Fior, Cinq mille kilomètres par seconde, Edizioni Coconino Press-Fandango, 2010

 

L’autore

Manuele Fior, il suo bel sito

 

 

La libreria

 

 

 

 

 

AC                                               LibOn.it