Say Her Name, Francisco Goldman

 

 

Say her Name è il memoir autobiografico di Francisco Goldman edito da Grove Press.

La prima scena apre con il viaggio del narratore-protagonista e della compagna, Aura Estrada, a Parigi. Per le sue insistenti richieste, raggiungono il Jardin des Plantes, dove sono tenute le salamandre celebri per il racconto che ne fece lo scrittore Julio Cortázar in Axolotl. Come la protagonista del racconto, Aura vuole rimanere a lungo a osservare gli animali attraverso il vetro del loro acquario.

Ecco, questo desiderio della giovane compagna (Aura Estrada) di studiare gli animali attraverso il vetro, dà lo stampo al progetto autobiografico di Goldman: per la verità, un racconto del loro breve matrimonio stroncato dalla morte della moglie scrittrice per un incidente di surf all’età di trent’anni.

 


Tentare di comprendere una tragedia è un vano tentativo di approcciare quello che non si può capire. Seguendo questo progetto, l’autore compie un percorso avanti e indietro nel tempo, collegando il loro viaggio a Parigi con il giorno della morte della giovane moglie, il giorno del ritorno a Brooklyn dopo il funerale, con quello del loro primo incontro in occasione di un evento letterario alla New York University e poi la sua infanzia in Messico ai loro rituali quotidiani da giovani marito e moglie.

Questo percorso narrativo e psicologico collega gli eventi del prima e del dopo per conferire senso alla perdita e all’amore nutrito alla luce della perdita: entrambi appartegono alla stessa condizione della vita. E coesistono.

 

 

Il libro

Francisco Goldman, Say Her Name, Grove Press, New York City, 2011

 

 

L’autore

 

 

La recensione sul Sunday Book Review

New York Times

 

 

 

La libreria

 

 

 

 

AC



%d blogger cliccano Mi Piace per questo: