Dream Life: An Experimental Memoir, Allan Hobson

Dream Life: An Experimental Memoir è l’ultimo saggio del professore emerito di Psichiatria alla Harvard Medical School, Allan Hobson.

Negli Stati Uniti è appena uscito. È una summa del suo pensiero e della sua ricerca. Il racconto di una vita spesa a dibattere con i colleghi di scuola freudiana, a osservare animali e persone dormire e a raccogliere descrizioni di sogni e riflettere sul funzionamento della mente. Secondo Hobson non capiamo la natura dei sogni perché, prima di tutto, interpretiamo male la natura del sonno.


Tutti gli animali dotati di cervello dormono. Probabilmente serve a risparmiare energia e a regolare alcune funzioni cerebrali, ma, anche, se nel sonno “perdiamo conoscenza”, il cervello in realtà non dorme mai. Perfino nella fase più profonda mantiene almeno il cinquanta per cento dell’attività della veglia e durante le fasi Rem (Rapid Eye movement) quasi tutto il cervello è in piena attività.


I sogni sono la caratteristica che più impressiona del sonno Rem. In realtà si sogna anche durante il sonno non Rem più  superficiale, ma sono sogni che somigliano più a pensieri astratti, mentre i sogni Rem sono come allucinazioni, caratterizzate da immagini, suoni, odori e una forte componente emotiva, spesso a base di paura, rabbia o esaltazione. Secondo Hobson, questo è solo il prodotto casuale del processo di riattivazione della coscienza.

Quello che chiamiamo coscienza è la capacità della corteccia cerebrale di integrare in un quadro coerente e continuo sensazioni, memoria, ragionamento, emozioni.


Il testo è tratto dall’articolo di Alex Saragosa, pubblicato sul Venerdì di Repubblica, 29/04/2011

Le immagini visualizzate sono opere di René François Ghislain Magritte

Il libro

Allan Hobson, Dream Life: An Experimental Memoir, Cambridge, Mass. (US), MIT Press Ltd, 2011

L’autore

La casa editrice

La libreria

AC

About these ads

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: