At Home, Bill Bryson

 

 

 

 

At Home. A short history of private life è il nuovo libro dello scrittore statunitense Bill Bryson, pubblicato in America dall’editore Doubleday. In Italia l’opera uscirà il prossimo ottobre per i tipi dell’editore parmense Guanda, con il titolo Breve storia della vita privata.

 

Un gigantesco mosaico, una mappa delle abitudini domestiche occidentali in 536 pagine ricche di aneddoti, rimandi e citazioni. L’autore spulcia gli archivi, le biblioteche, i referti dei controlli igienici delle botteghe di alimenti del periodo inglese vittoriano. Il suo approccio è “scientifico-pop”; lui è un maniaco del dettaglio.

Si dice che questo lavoro sia iniziato quando lo scrittore ha comprato una casa in stile vittoriano, del 1851, in un piccolo villaggio inglese, nata come canonica del pastore locale. Questa dimora diventa l’idea dell’esplorazione e ricostruzione storica del concetto di vita privata, in Inghilterra e nel continente, dall’Ottocento a oggi. La casa è lo spazio sociale della vita privata e della privacy. Non solo, è il luogo dove nascono, crescono e si radicano, i nuclei familiari;  ovvero le cellule che hanno costituito le società civili dei più importanti paesi europei.

 

Ma l’idea dell’autore è originale e sufficientemente accattivante: tutto ciò che accade sul pianeta finisce a casa nostra: nel tessuto dei pantaloni che indossiamo, nell’imbottitura del cuscino su cui poggiamo la testa e in ogni mobile e accessorio. Così facendo ci sommerge di scoperte a un tempo, luride e spassose.

Per esempio, ci offre il racconto del modo in cui, negli ultimi due secoli, l’uomo occidentale ha conservato e adulterato i propri cibi: il burro veniva allungato con la cera e il lardo, il tè con la segatura e con feci di pecore polverizzate, nell’aceto si versava l’acido solforico e con il gesso si diluiva il latte. Oppure, nell’universo della camera da letto, spiega i materiali usati per imbottire i materassi: a seconda delle condizioni di vita delle persone, venivano usate piume, lana, cotone, capelli, trucioli, alghe o fieno.

 

 

Il testo riprende e riassume l’articolo di Leonetta Bentivoglio apparso su Repubblica (pag. 53) in data 06/06/2011

La prima illustrazione è di Fabio Magnasciutti, la seconda di Anna Godeassi

 

 

 

Il libro

Bill Bryson, At Home. A short history of private life, Doubleday Books, 2010

 

 

L’autore

 

 

La libreria

 

 

 

 

 

 

 

 

AC


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: