Prepariamoci, Luca Mercalli

 

 

 

Prepariamoci è l’ultimo libro scritto da Luca Mercalli, edito da Chiarelettere. Alcune opere precedenti sono Filosofia delle nuvole (Rizzoli 2008), Che tempo farà (Rizzoli 2009), Viaggi nel tempo che fa (Einaudi 2010).

L’autore è presidente della Società Meteorologica Italiana, nonché direttore della rivista Nimbus. Ospite fisso della trasmissione Rai3 Chetempo che fa, cura per La Stampa la rubrica di meteorologia e clima.

 

 

 

 

Il famoso meteorologo  mette tutto nero su bianco. Non si tratta però delle nubi cariche di pioggia sullo sfondo di un cielo terso, sia chiaro: Mercalli ha messo per iscritto le sue considerazioni sulle crisi profondissime in atto, e suggerisce idee per prepararsi a “… vivere in un mondo con meno risorse, meno energia e meno abbondanza”.
Quanto alla possibile “più felicità” cui si fa riferimento nel sottotitolo del libro, dipenderà da noi cittadini, e dalla capacità di resilienza che sapremo dimostrare.
Resilienza, come ci spiega lo stesso Mercalli nell’intervista rilasciataci in occasione dei referendum (vertenti fra l’altro su nucleare e gestione pubblica dell’acqua), è la proprietà di assorbire un trauma senza collassare, e sapersi adattare alle nuove condizioni di vita che cambiamenti drammatici impongono.
Nel libro pubblicato da Chiarelettere, il presidente della Società meteorologica italiana traccia infatti un quadro a tinte fosche di quel che sta accadendo: il collasso imminente, riassume Mercalli è visibile in molti segni che ci ostiniamo a non voler vedere, e il nostro attuale mantenimento di uno stile di vita al di sopra delle nostre possibilità somiglia molto al “camminare bendati in un campo minato”.
Siamo ancora in tempo, ma i margini si riducono ogni giorno, e tutte le risorse che dovremmo impiegare per prepararci ad un mondo più “sobrio” (sì, è un eufemismo) vengono allegramente sperperate nel tentativo di arroccarsi su privilegi che sono già retaggio di un’epoca passata.

 

 

 

Le immagini sono dipinti di Vincent Willem van Gogh. Il primo: I mangiatori di patate (1885). Il secondo: I primi passi (1889).

Il testo è tratto da Wuz.it

 

 

 

Il libro

Luca Mercalli, Prepariamoci. A vivere in un mondo più affollato, con un clima più instabile, meno risorse, meno energia, meno abbondanza… E forse più felicità, Chiarelettere, Milano 2011

 

 

 

L’autore

 

 

 

La casa editrice

 

 

 

 

 

La libreria

 

 

 

 

AC


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: