Archive for agosto 2011

Fuego!, Marilù Oliva

27 agosto 2011

 

 

Al suo terzo romanzo, Fuego!, Marilù Oliva aggiunge un tassello alla serie thriller dedicata a Elisa Guerra detta la “Guerrera”.

Piccola, bruna, graziosa, i begli occhi dal taglio orientale, abbarbicata su tacchi da 12 cm, Elisa, laureanda in criminologia, è una ragazza tutta pepe ma anche tutta crisi. Qui la troviamo, calata nel sogno di diventare giornalista, sbarcare il lunario a Bologna consegnando in motorino le pizze, con un compenso di otto euro in nero all’ora, sotto padrone pakistano, il “pancione” Atef – mestiere di cui si vergogna terribilmente -, ma anche passare le notti, lei, fanatica della salsa, in una discoteca latino-americana, il Mulata, dove i tipi perbene scarseggiano decisamente.

L’altra parte della sua personalità è quella formata dalla terribile zia, la prof. Fausta Zenzero, che le ha fatto imparare a memoria tutta la Divina Commedia, un canto al giorno. Così la ragazza cita Dante a piè sospinto: Dante ha una soluzione per tutto!

Tutto questo non facilita però la conquista, da parte della nostra giovane detective, dell’ispettore di polizia Gabriele Basilica, tipo sposato e scontento del suo noioso matrimonio.

Questo giallo intreccia il suo racconto attorno alle indagini dei suoi simpatici personaggi, ma non si risolve in questo: è attento e interessato a descrivere la città dove si ambienta, le vie, le viuzze e la folla variegata della Bologna notturna. Notti di sballo e morte, notti di indagini per una giovane laureanda in cerca di posto fisso e salario.

 

Il testo è tratto dall’aarticolo di Giovanni Pacchiano sul Sole 24 Ore del 21-08-11

 

 

 

Il libro

Marilù Oliva, Fuego!, Elliot, Roma, 2011

 

 

 

Il precedente successo dell’autrice

Tu la pagaràs, Elliot, Roma, 2010

 

 

 

L’autrice

 

La casa editrice

 

 

 

 

La libreria

 

 

 

 

 

AC

Come se mangiassi pietre, Wojciech Tochman

26 agosto 2011

 

 

 

Come se mangiassi pietre di Wojciech Tochman è un libro terribile e bellissimo, che andrebbe fatto leggere nelle scuole. Una vera lezione di stile sobrio e asciutto, di onestà di cronista: il racconto di ciò che è accaduto, fatto “dopo”, a cose finite, quando le telecamere si sono spente e i media allontanati.

 

Perché, come ha intuito perfettamente la sua connazionale Wisawa Szymborska, nella poesia La fine e l’inizio (1993): “Dopo ogni guerra (…) / C’è chi deve spingere le macerie / ai bordi delle strade / per far passare i carri pieni di cadaveri / (…) Non è fotogenico / e ci vogliono anni / tutte le telecamere sono già partite / per un’altra guerra (…) / Chi sapeva / di che si trattava, / deve far posto a quelli / che ne sanno poco. / E meno di poco…”.

 

L’autore racconta di un’umanità che ostinatamente non vuole dimenticare il dolore subito, quasi che questo fosse l’unico modo per continuare a sopravvivere, ma anche individui che invece vogliono fuggire, perché i ricordi li avvelenano e soffocano. Una pace fragile, piuttosto una tregua, una riconciliazione quasi impossibile. Il reporter non giudica: racconta storie, ognuna col suo carico di unicità e verità. Registra la paura, il dolore, la vergogna (“Nella Repubblica serba di Bosnia gli uomini evitano di farsi fotografare, si coprono il viso: tremano di terrore al pensiero di essere riconosciuti dalle donne musulmane”)

Il testo è tratto dall’articolo di Francesco M. Cataluccio pubblicato dal settimanale Domenica del Sole 24 Ore il 21-08-11

 

 

 

Il libro

Wojciech Tochman, Come se mangiassi pietre, Keller Editore, Rovereto, 2010

 

 

 

L’autore

 

 

 

 

La libreria

 

 

 

 

 

AC

Reality, Mariusz Szczygiel

26 agosto 2011

 

 

 

Reality è l’ultimo libro di Mariusz Szczygiel, autore del pluripremiato libro sulla Cecoslovacchia Gotland e riconosciuto erede di Ryszard Kapuscinski.

Ritratti di donna veri piccoli gioielli letterari: una casalinga di Cracovia che per tutta la vita tenne un diario non parlando mai di sé ma annotando scrupolosamente tutto quel poco che le capitava: al 1943 al 2000: 38196 telefonate; 5817 regali fatti; 1922 appuntamenti fissati… Poi un misterioso elenco di donne trovate da lui sotto il tavolino di un caffè; il rettore dell’Università di Cracovia che fa costruire a sue spese e collocare nel corridoio dove passano gli studenti il monumento all’amata moglie ancora viva; la corrispondenza tra due amiche che si scrissero ogni settimana per 52 anni, mentre la Polonia passava dal comunismo al capitalismo.

 

 

Il testo è tratto da un articolo di Francesco M. Cataluccio pubblicato sul settimanale Domenica del Sole 24 Ore il 21-08-11

 

 

 

Rassegna stampa sul libro

Alias – Il Manifesto

Il Foglio

Barisera

 

 

 

I libri

Mariusz Szczygiel, Reality, Nottetempo, Roma, 2011

 

 


Gottland, Nottetempo, Roma, 2009

 

 

 

 

L’autore

 

 

 

 

La libreria

 

 

 

 

 

 

AC

 

 

The London Riots, Zygmunt Bauman

13 agosto 2011

 

 

 

The London Riots. On Consumerism coming Home to Roost è  l’articolo che Zygmunt Bauman ha pubblicato sul Social Europe Journal in data 09-08-11.

 

 

These are not hunger or bread riots. These are riots of defective and disqualified consumers.

Revolutions are not staple products of social inequality; but minefields are. Minefields are areas filled with randomly scattered explosives: one can be pretty sure that some of them, some time, will explode – but one can’t say with any degree of certainty which ones and when. Social revolutions being focused and targeted affairs, one can possibly do something to locate them and defuse in time. Not the minefield-type explosions, though. In case of the minefields laid out by soldiers of one army you can send other soldiers, from another army, to dig mines out and disarm; a dangerous job, if there ever was one – as the old soldiery wisdom keeps reminding: “the sapper errs only once”. But in the case of minefields laid out by social inequality even such remedy, however treacherous, is unavailable: putting the mines in and digging them up needs to be done by the same army which neither can stop adding new mines to the old nor avoid stepping on them – over and over again. Laying mines and falling victims of their explosions come in a package deal.

All varieties of social inequality derive from the division between the haves and the have-nots, as Miguel Cervantes de Saavedra noted already half a millennium ago. But in different times having or not having of different objects is, respectively, the states most passionately desired and most passionately resented. Two centuries ago in Europe, a few decades ago still in many some distant from Europe places, and to this day in some battlegrounds of tribal wars or playgrounds of dictatorships, the prime object setting the have-nots and the haves in conflict was bread or rice. Thank God, science, technology and certain reasonable political expedients this is no longer the case. Which does not mean though that the old division is dead and buried. Quite on the contrary… The objects of desire, whose absence is most violently resented, are nowadays many and varied – and their numbers, as well as the temptation to have them, grow by the day. And so grows the wrath, humiliation, spite and grudge aroused by not having them – as well as the urge to destroy what have you can’t. Looting shops and setting them on fire derive from the same impulsion and gratify the same longing.

We are all consumers now, consumers first and foremost, consumers by right and by duty. The day after the 11/9 outrage George W. Bush, when calling Americans to get over the trauma and go back to normal, found no better words than “go back shopping”. It is the level of our shopping activity and the ease with which we dispose of one object of consumption in order to replace it with a “new and improved” one which serves us as the prime measure of our social standing and the score in the life-success competition. To all problems we encounter on the road away from trouble and towards satisfaction we seek solutions in shops.

From cradle to coffin we are trained and drilled to treat shops as pharmacies filled with drugs to cure or at least mitigate all illnesses and afflictions of our lives and lives in common. Shops and shopping acquire thereby a fully and truly eschatological dimension. Supermarkets, as George Ritzer famously put it, are our temples; and so, I may add, the shopping lists are our breviaries, while strolls along the shopping malls become our pilgrimages. Buying on impulse and getting rid of possessions no longer sufficiently attractive in order to put more attractive ones in their place are our most enthusing emotions. The fullness of consumer enjoyment means fullness of life. I shop, therefore I am. To shop or not to shop, this is the question.

For defective consumers, those contemporary have-nots, non-shopping is the jarring and festering stigma of a life un-fulfilled – and of own nonentity and good-for-nothingness. Not just the absence of pleasure: absence of human dignity. Of life meaning. Ultimately, of humanity and any other ground for self-respect and respect of the others around.

Supermarkets may be temples of worship for the members of the congregation. For the anathemised, found wanting and banished by the Church of Consumers, they are the outposts of the enemy erected on the land of their exile. Those heavily guarded ramparts bar access to the goods which protect others from a similar fate: as George W. Bush would have to agree, they bar return (and for the youngsters who never yet sat on a pew, the access) to “normality”. Steel gratings and blinds, CCTV cameras, security guards at the entry and hidden inside only add to the atmosphere of a battlefield and on-going hostilities. Those armed and closely watched citadels of enemy-in-our-midst serve as a day in, day out reminder of the natives’ misery, low worth, humiliation. Defiant in their haughty and arrogant inaccessibility, they seem to shout: I dare you! But dare you what?

 

 

 

L’ispirazione alla pubblicazione del testo si deve a Nazione Indiana, primo blog ad averlo divulgato.

 

 

 

 

 

La libreria

 

 

 

 

 

AC

Raymond Carver. Una vita da scrittore, Carol Sklenicka

8 agosto 2011

 

 

 

 

Raymond Carver. Una vita da scrittore. Autore: Carol Sklenicka. È la biografia del grande scrittore americano pubblicata da Nutrimenti.

 

Tra alcolismo e sussidi di disoccupazione, le vicende umane di un autore mito cresciuto fuori dai ranghi dell’industria culturale considerato uno degli ultimi belli e dannati.

Il giorno dopo l’uscita del suo primo libro di racconti, Vuoi star zitta per favore, invece di festeggiare Raymond Carver fu costretto a presentarsi in tribunale: doveva discolparsi dall’accusa di aver mentito per ottenere il sussidio di disoccupazione. Era il marzo 1976, aveva trentotto anni e li aveva vissuti più che pericolosamente. Fino ad allora, con due figli e la moglie al seguito – neanche quarant’anni in due quando si erano sposati e lei era già incinta – era stato uno scrittore senza fissa dimora, senza una stanza tutta per sé per scrivere e spesso senza un tetto sulla testa, nel suo curriculum la lista dei lavori precari cui si era prestato, da fattorino a raccoglitore di tulipani, era interminabile, non aveva quasi mai soldi in tasca ma quasi sempre un vasto lago di alcol in corpo.
Comincia da qui, da questa icona di derelizione, la lunga, appassionata e appassionante biografia (scorrevolmente tradotta da Marco Bertoli) che una studiosa americana e insegnante di creative writing ha dedicato a quello che, per un equivoco leggendario, è considerato l’inventore del minimalismo letterario.

Non c’è corso di scrittura creativa che, in un modo o nell’altro, non faccia ricorso ai suggerimenti di Raymond Carver, con il suo invito a leggere e rileggere e limare i testi. Carver è, senza dubbio, un punto di riferimento della letteratura americana del Novecento e, come tutti i punti di riferimento, vale la pena di conoscerne la biografia per capirlo meglio.

Con le sue quasi ottocento pagine si tratta della più completa biografia dello scrittore americano ed è particolarmente pregevole perché ci presenta non solo gli eventi “esterni” della vita di Carver, ma anche quelli “interni”, cioè l’evoluzione dello scrittore, mettendo in luce i vari cambiamenti apportati alle sue opere – dovuti anche agli interventi degli editor – elemento, questo, non secondario nella narrazione della vita di uno scrittore.

 

 

 

Il testo riprende, nella prima parte, l’articolo di Elisabetta Rasy pubblicato dal Sole 24 Ore in data 31-07-11, nella seconda, il post pubblicato da BooksBlog in data 19-05-11.

 

 

 

 

Il libro

Carol Sklenicka, Raymond Carver. Una vita da scrittore, Nutrimenti, Roma, 2011

 

 

 

Il libro in lingua originale

Carol Sklenicka, Raymond Carver: A Writer’s Life, Scribner Book Company, 2009

 

 

 

 

La libreria

 

 

 

 

AC

Ahi gente che dovresti esser devota,/e lasciar seder Cesare in la sella… Ovvero Mario Monti sul Corriere della Sera

8 agosto 2011

 

 

 

 

Ahi gente che dovresti esser devota,

e lasciar seder Cesare in la sella,

se bene intendi ciò che Dio ti nota,

guarda come esta fiera è fatta fella

per non esser corretta dalli sproni,

poi che ponesti mano alla predella.

O Alberto tedesco ch’abbandoni

costei ch’è fatta indomita e selvaggia,

e dovresti inforcar li suoi arcioni,

giusto giudicio dalle stelle caggia

sovra ‘l tuo sangue, e sia novo e aperto,

tal che ‘l tuo successor temenza n’aggia!

Ch’avete tu e ‘l tuo padre sofferto,

per cupidigia di costà distretti,

che ‘l giardin dello ‘mperio sia diserto.

Vieni a veder Montecchi e Cappelletti,

Monaldi e Filippeschi, uom sanza cura:

color già tristi, e questi con sospetti!

Vien, crudel, vieni, e vedi la pressura

de’ tuoi gentili, e cura lor magagne;

e vedrai Santafior com’è oscura!

Vieni a veder la tua Roma che piagne

vedova e sola, e dì e notte chiama:

«Cesare mio, perché non m’accompagne?»

Vieni a veder la gente quanto s’ama!

e se nulla di noi pietà ti move,

a vergognar ti vien della tua fama.

E se licito m’è, o sommo Giove

che fosti in terra per noi crucifisso,

son li giusti occhi tuoi rivolti altrove?

O è preparazion che nell’abisso

del tuo consiglio fai per alcun bene

in tutto dell’accorger nostro scisso?

Ché le città d’Italia tutte piene

son di tiranni, e un Marcel diventa

ogni villan che parteggiando viene.

La Divina Commedia, Purgatorio, VI, 91-126

… Ovvero Mario Monti sul Corriere della Sera: Il podestà forestiero … Editoriale pubblicato in data 07-08-11.

 

I mercati, l’Europa. Quanti strali sono stati scagliati contro i mercati e contro l’Europa da membri del governo e della classe politica italiana! «Europeista» è un aggettivo usato sempre meno. «Mercatista», brillante neologismo, ha una connotazione spregiativa. Eppure dobbiamo ai mercati, con tutti i loro eccessi distorsivi, e soprattutto all’Europa, con tutte le sue debolezze, se il governo ha finalmente aperto gli occhi e deciso almeno alcune delle misure necessarie.
La sequenza iniziata ai primi di luglio con l’allarme delle agenzie di rating e proseguita con la manovra, il dibattito parlamentare, la riunione con le parti sociali, la reazione negativa dei mercati e infine la conferenza stampa di venerdì, deve essere stata pesante per il presidente Berlusconi e per il ministro Tremonti. Essi sono stati costretti a modificare posizioni che avevano sostenuto a lungo, in modo disinvolto l’uno e molto puntiglioso l’altro, e a prendere decisioni non scaturite dai loro convincimenti ma dettate dai mercati e dall’Europa.

Il governo e la maggioranza, dopo avere rivendicato la propria autonoma capacità di risolvere i problemi del Paese, dopo avere rifiutato l’ipotesi di un impegno comune con altre forze politiche per cercare di risollevare un’Italia in crisi e sfiduciata, hanno accettato in questi ultimi giorni, nella sostanza, un «governo tecnico». Le forme sono salve. I ministri restano in carica. La primazia della politica è intatta. Ma le decisioni principali sono state prese da un «governo tecnico sopranazionale» e, si potrebbe aggiungere, «mercatista», con sedi sparse tra Bruxelles, Francoforte, Berlino, Londra e New York.

Come europeista, e dato che riconosco l’utile funzione svolta dai mercati (purché sottoposti a una rigorosa disciplina da poteri pubblici imparziali), vedo tutti i vantaggi di certi «vincoli esterni», soprattutto per un Paese che, quando si governa da sé, è poco incline a guardare all’interesse dei giovani e delle future generazioni. Ma vedo anche, in una precipitosa soluzione eterodiretta come quella dei giorni scorsi, quattro inconvenienti.

Scarsa dignità. Anche se quella del «podestà forestiero» è una tradizione che risale ai Comuni italiani del XIII secolo, dispiace che l’Italia possa essere vista come un Paese che preferisce lasciarsi imporre decisioni impopolari, ma in realtà positive per gli italiani che verranno, anziché prenderle per convinzione acquisita dopo civili dibattiti tra le parti. In questo, ci vorrebbe un po’ di «patriottismo economico», non nel fare barriera in nome dell’«interesse nazionale» contro acquisizioni dall’estero di imprese italiane anche in settori non strategici (barriere che del resto sono spesso goffe e inefficaci, una specie di colbertismo de noantri ).

Downgrading politico. Quanto è avvenuto nell’ultima settimana non contribuisce purtroppo ad accrescere la statura dell’Italia tra i protagonisti della scena europea e internazionale. Questo non è grave solo sul piano del prestigio, ma soprattutto su quello dell’efficacia. L’Unione europea e l’Eurozona si trovano in una fase critica, dovranno riconsiderare in profondità le proprie strategie. Dovranno darsi strumenti capaci di rafforzare la disciplina, giustamente voluta dalla Germania nell’interesse di tutti, e al tempo stesso di favorire la crescita, che neppure la Germania potrà avere durevolmente se non cresceranno anche gli altri. Il ruolo di un’Italia rispettata e autorevole, anziché fonte di problemi, sarebbe di grande aiuto all’Europa.

Tempo perduto. Nella diagnosi sull’economia italiana e nelle terapie, ciò che l’Europa e i mercati hanno imposto non comprende nulla che non fosse già stato proposto da tempo dal dibattito politico, dalle parti sociali, dalla Banca d’Italia, da molti economisti. La perseveranza con la quale si è preferito ascoltare solo poche voci, rassicuranti sulla solidità della nostra economia e anzi su una certa superiorità del modello italiano, è stata una delle cause del molto tempo perduto e dei conseguenti maggiori costi per la nostra economia e società, dei quali lo spread sui tassi è visibile manifestazione.

Crescita penalizzata. Nelle decisioni imposte dai mercati e dall’Europa, tendono a prevalere le ragioni della stabilità rispetto a quelle della crescita. Gli investitori, i governi degli altri Paesi, le autorità monetarie sono più preoccupati per i rischi di insolvenza sui titoli italiani, per il possibile contagio dell’instabilità finanziaria, per l’eventuale indebolimento dell’euro, di quanto lo siano per l’insufficiente crescita dell’economia italiana (anche se, per la prima volta, perfino le agenzie di rating hanno individuato proprio nella mancanza di crescita un fattore di non sostenibilità della finanza pubblica italiana, malgrado i miglioramenti di questi anni). L’incapacità di prendere serie decisioni per rimuovere i vincoli strutturali alla crescita e l’essersi ridotti a dover accettare misure dettate dall’imperativo della stabilità richiederanno ora un impegno forte e concentrato, dall’interno dell’Italia, sulla crescita.

La libreria

 

 

 

 

AC

Il manifesto della Generazione TQ: 3

4 agosto 2011

 

 

 

Il manifesto della Generazione TQ: 3 (il terzo) è stato pubblicato dal neonato movimento il giorno 27 luglio 2011 sul blog d’appartenenza.

 

Il tema: gli spazi pubblici

 

Dopo una lunga stagione di vuoto partecipativo e individualismo ideologico, nell’intento di creare nuove forme di comunità culturale e di condivisione dei saperi e delle pratiche politiche, TQ non si limita alla dimensione immateriale della comunicazione letteraria e della proposta teorica. TQ ritiene infatti teatro della propria azione tanto gli spazi pubblici di carattere istituzionale, quanto spazi che TQ stessa contribuisca a rendere pubblici indipendentemente dalle istituzioni: luoghi dismessi, sofferenti, mercificati, di cui sia possibile riappropriarsi, restituendoli all’uso comune e modificandone la funzione.

TQ svolgerà le proprie attività in luoghi nei quali il dialogo possa avvenire in modo orizzontale, in spazi non elitari né commerciali. La definizione è ampia: può includere una piazza, una scuola, un centro sociale occupato o un festival letterario. Rispetto allo svolgimento delle attività, sarà importante mantenere una dimensione il più possibile aperta e conviviale.

TQ interverrà attivamente sul territorio e stimolerà la riappropriazione critica degli spazi pubblici e dei beni comuni, affiancando realtà già operanti e elaborando azioni autonome, come ad esempio:

• il monitoraggio delle istituzioni del territorio e delle loro politiche culturali, affinché promuovano processi virtuosi di interazione col pubblico e progetti d’interesse comune, fuori da logiche puramente mercantili e clientelari. In questo quadro TQ considera una priorità la battaglia per la difesa e la riqualificazione delle biblioteche;
• l’occupazione, temporanea o a lungo termine, di luoghi della cultura o da restituire alla cultura, e il sostegno a occupazioni già in atto;
• azioni estemporanee di interposizione, disturbo o “guerrilla” culturale e artistica, in luoghi inconsueti o a forte connotazione politica e simbolica, come CIE, carceri, sedi di amministrazioni pubbliche, aziende.

per aderire a TQ: tq.adesioni@gmail.com

L’immagine visualizzata è un dipinto di Lucian Freud

La libreria

 

 

 

 

 

 

AC

Il manifesto della Generazione TQ: 2

4 agosto 2011

 

 

 

Il manifesto della Generazione TQ: 2 (il secondo) è stato pubblicato il giorno 27 luglio 2011 dall’omonimo neonato movimento sul blog d’appartenenza.

 

Tema: l’editoria

 

In un tempo in cui l’editoria non si distingue ormai più da qualsiasi altro settore dell’economia, con l’aggravante dello sfruttamento che molti di coloro che la dirigono fanno della passione di coloro che vi lavorano, in un tempo in cui gli editori non scelgono più i bei libri sperando che vendano, ma i libri che vendono sperando che siano belli, TQ ritiene che l’editoria, pur essendo un mercato, non possa tuttavia essere solo un mercato senza rinunciare a essere anche uno dei luoghi elettivi in cui si forma la coscienza dei cittadini; e vuole che il libro sia sottratto allo statuto di merce e restituito a quello di un bene alla cui preservazione dev’essere interessato anche chi non legge.

Dovendo dunque contrastare i deserti e le derive che il consumismo e il capitalismo hanno prodotto nel campo della cultura, TQ si impegna ad agire secondo quelli che possono essere definiti come criteri di «ecologia culturale» al fine di proteggere e coltivare l’unicità e la varietà delle scritture, e assume come criterio cardinale la bibliodiversità, battendosi contro l’omologazione delle scritture indotta da una produzione editoriale sempre più orientata al largo consumo. In secondo luogo TQ, constatando come la quantità di libri pubblicata ogni anno sia ormai ampiamente oltre la soglia della sostenibilità non solo culturale ma addirittura commerciale, si fa promotrice di una proposta di riequilibrio nella produzione dei libri che impegni gli editori a privilegiare la qualità rispetto alla quantità.

Nell’operare di TQ, due sono le preoccupazioni che ne dettano le scelte, l’una strettamente legata all’altra: etica e qualità.

Etica. L’etica di TQ è improntata a un continuo impegno di trasparenza e di riconoscimento della competenza e del merito.

Trasparenza. TQ promuove la trasparenza e la pubblicità, da parte degli editori, delle modalità di ottenimento e di gestione dei finanziamenti pubblici (contributi, provvidenze, agevolazioni) e le eventuali forme di reinvestimento non lucrativo. TQ invita inoltre a compiere un’opera di divulgazione dei meccanismi – e delle anomalie – che governano la filiera editoriale.

Concentrazioni editoriali. TQ difende e sostiene l’indipendenza e l’autonomia in ogni segmento della filiera; intende inoltre individuare e formulare proposte di correzione per ogni stortura che provenga dalla concentrazione, nelle mani di pochi grandi gruppi, non solo della fase di produzione dei libri (concentrazione orizzontale attraverso la proprietà dei maggiori marchi) ma anche di quella di distribuzione e vendita (concentrazione verticale attraverso la proprietà delle reti distributive, delle catene librarie e di altri servizi editoriali).

Diritti del lavoro. TQ si impegna a promuovere la dignità e i diritti dei lavoratori editoriali stabilendo regole e parametri e approntando contratti e tariffari di riferimento per i mestieri dell’editoria, dai correttori di bozze agli impaginatori.
In particolare, prendendo posizione in favore di una delle categorie professionali più importanti e meno tutelate dell’editoria, TQ si farà promotore di una campagna pubblica affinché il nome del traduttore appaia quantomeno sul retro di copertina e nel frontespizio interno di tutti i libri e sia sempre citato nelle recensioni e nelle segnalazioni su giornali, radio, televisioni e internet. Inoltre TQ intende redigere e far adottare quanto più possibile un tariffario generale che, contemperando le esigenze degli editori e quelle dei traduttori, esprima standard minimi di compenso per le varie lingue. Nel suo sito, infine, TQ allestirà un database che favorisca il debutto degli esordienti più capaci e l’affermazione di traduttori che abbiano svolto poche traduzioni ma che abbiano dimostrato abilità e affidabilità.

Editoria a pagamento. Condannando senza compromessi antiche e cattive pratiche come l’editoria a pagamento o in conto d’autore e l’ottenimento di recensioni a pagamento o in cambio dell’acquisto di inserzioni pubblicitarie, TQ stigmatizza la legittimazione e la promozione che tali pratiche stanno ricevendo da gruppi editoriali di grande peso e prestigio in un processo di finta democratizzazione della cultura, in base al quale si considera ormai la pubblicazione come un diritto.

Sostegno pubblico. Esercitando una costante opera di pressione sulle forze politiche e sulle istituzioni competenti, TQ reclamerà l’attuazione di politiche di lotta al precariato in ambito culturale, nonché di promozione e sostegno ai libri di qualità e alle librerie indipendenti.

Ecosostenibilità. TQ promuove l’utilizzo di carte, inchiostri, metodi di lavorazione dei libri e di smaltimento dei rifiuti pienamente ecosostenibili.

Qualità. TQ si impegna ad alimentare l’attenzione pubblica sulla questione della qualità letteraria, che è indipendente dal successo commerciale di un libro, e a fare ragionate battaglie contro le più deleterie derive mercatistiche dell’editoria italiana, come lo spostamento delle risorse delle case editrici dalla fase di produzione a quella di promozione dei libri.
Proprio in quest’ottica TQ intende costruire un circuito virtuoso per i libri di qualità che inizi anche prima della loro pubblicazione e che predisponga, attraverso i migliori critici letterari, librai e lettori, un’accoglienza attenta e qualificata in grado di aumentare la longevità, la risonanza e la redditività di quei libri.
TQ chiede anche agli autori di abbracciare e promuovere pratiche di qualità nel lavoro creativo e pratiche etiche in quello critico.
Sempre a tal fine TQ si ripropone di essere un riferimento e un raccordo tra le migliori voci della critica letteraria che sono, negli ultimi anni, sempre più isolate e inascoltate, così da conferire al loro impegno in favore dei libri di qualità ancora maggior forza e risalto e da fondare, insieme a loro, una nuova autorevolezza.
A testimoniare e consolidare questa militanza per la qualità letteraria vi è anche il proposito di TQ di segnalare opere miliari da tempo fuori commercio, creando un catalogo di grandi libri dimenticati.

Osservatorio sulle buone e cattive pratiche. TQ si impegna a realizzare un osservatorio sulle buone pratiche che censisca sul territorio i soggetti di qualità (case editrici, librerie, biblioteche, festival, agenzie letterarie e organi di informazione libraria) e a incoraggiare forme di solidarietà e cooperazione tra questi soggetti. Specularmente, TQ si ripropone di denunciare in sede pubblica tutte le pratiche che contrastino con principi di etica e di qualità e in particolare quelle che tendono a erodere gli spazi della critica e a depotenziare il dibattito e la formazione di un’opinione pubblica: tra esse l’abuso delle anticipazioni dei libri e la pubblicazione, sui giornali italiani, di recensioni positive della stampa straniera fornite a spese dell’editore.

Anche in materia di premi letterari TQ eserciterà un ruolo attivo di osservatorio critico, al fine di documentare le dinamiche di selezione dei premi italiani e di segnalare pubblicamente le eventuali incongruenze tra le dichiarazioni di principio e gli esiti delle votazioni.

Infine TQ intende formare un nuovo pubblico, educare nel tempo una comunità di lettori forti, facendo riassaporare il piacere estetico della lettura attraverso interventi pubblici e seminari. Si ripromette di perseguire questo obiettivo anche proponendo e valorizzando, sia in ambito accademico che giornalistico, un’attività di critica letteraria in cui la recensione sia dialogo con il libro e con i lettori e bandisca gli slogan promozionali in favore di un giudizio complesso e competente.

per aderire a TQ: tq.adesioni@gmail.com

L’immagine visualizzata è un dipinto di Lucian Freud

La libreria

 

 

 

 

 

AC

Il manifesto della Generazione TQ: 1

4 agosto 2011

 

 

 

Il manifesto della Generazione TQ: 1 (il primo) è stato pubblicato dal neonato movimento il 27 luglio 2011 sul blog d’appartenenza.

 

All’inizio del suo secondo decennio, il nuovo secolo appare ancora come un Novecento svuotato di senso. Sono caduti insieme alle ideologie anche gli ideali, insieme all’autorità del passato anche la forza del futuro, insieme alle certezze morali anche quelle materiali.

Nel nostro Paese quei diritti del lavoro che erano sentiti come naturali sono stati sempre più indeboliti, e hanno cambiato di significato a seconda di chi li nominava. Lungo i nostri confini, intanto, si agitano e premono ogni giorno, con le diverse ribellioni della migrazione e del tumulto, le urgenze di milioni di uomini e donne ai quali si è scelleratamente risposto quasi solo con i CIE, veri lager dissimulati.

Se questi tempi ci sono dati da vivere, e questi sono i tempi che possiamo leggere, in cui possiamo scrivere, è giocoforza per chi lavori nell’ambito della letteratura e dell’editoria passare, dopo molti anni di indignazione solitaria, ad analisi e azioni comuni da condurre con la nettezza radicale del dovere. Questo significa, innanzitutto, osservare il diffondersi del neoliberismo come un’epidemia dell’Occidente, non solo a causa delle destre ma anche di alcune presunte sinistre e dell’inconcludenza delle altre forze politiche; riconoscere tanto quella pericolosa incarnazione demagogica del pensiero neoliberista che è il berlusconismo, con il suo portato insostenibile di autoritarismo, di sprezzo della legalità e di saccheggio, per bande private, dei beni comuni, quanto quell’ignobile razzismo padano che è il leghismo; constatare il decadimento della partecipazione democratica, il degrado dell’informazione, la distruzione del patrimonio culturale e lo smantellamento del sistema scolastico pubblico, nonché l’espulsione mirata delle donne dal mondo del lavoro e la rappresentazione deformata dei loro corpi nella pubblicità e nei media da parte di una società a cui sembra essere ancora estranea una vera cultura della differenza; ma significa anche, infine, agire, provando a correggere, nei limiti del possibile, il deficit di rappresentanza politica, la definitiva perdita di autonomia decisionale del Parlamento, la confusione e la volgarità del discorso pubblico, l’autodifesa a oltranza di quella che è un’oligarchia politica de facto, incapace di ascoltare le esigenze delle fasce più deboli, le rivendicazioni dei movimenti della società civile e le spinte di una moltitudine di cittadini senza cittadinanza in un Paese ormai multiculturale.

Reagendo a questo stato di cose e all’esclusione di almeno due generazioni di italiani dalla vita politica e produttiva, il 29 aprile 2011 un centinaio di scrittori, critici, editori, giornalisti si sono riuniti nella sede romana della casa editrice Laterza sotto il nome di TQ, «Trenta-Quaranta», come l’età di chi ha partecipato, invocando quest’assunzione di responsabilità collettiva: con la certezza che la nostra generazione porta su di sé, per la prima volta, il fardello di mutamenti storici che riguardano tutti, e in particolare i più giovani. Nei mesi successivi a quell’appuntamento i partecipanti hanno dialogato tutti insieme in rete, concordando sull’importanza di coniugare l’uso delle nuove tecnologie e la partecipazione fisica a incontri e iniziative.

Se TQ si è formata e continua a operare, non è solo per discutere, ma per intraprendere un cammino condiviso di conoscenza e di azione. Per abbracciare, con l’analisi e la pratica, i temi vasti e intrecciati dell’istruzione, della ricerca, del welfare, del mercato, degli spazi pubblici, della produzione e della distribuzione di cultura. E per ricomporre, contribuendo a riscriverne i termini, quel patto sociale che si è rotto sia per il venir meno del rapporto diretto tra crescita del livello d’istruzione e crescita del reddito, che aveva costituito in passato il fondamento della mobilità sociale, sia per l’annullamento unilaterale del mutuo scambio tra la nostra generazione e quella precedente. TQ non cerca, tuttavia, uno scontro aperto da vivere simbolicamente come «uccisione dei padri» – o delle madri. Si propone, invece, di evitare gli errori della generazione precedente, e al tempo stesso di tenere con chi è venuto prima di noi uno scambio più autentico e profondo, che andrà impostato, comunque, su regole nuove; si propone, quanto a sé, di fare un costante esercizio di autocritica, sia individuale sia collettiva, e di assumersi obblighi – troppo spesso trascurati da molti, e forse anche, finora, da noi stessi – di chiarezza, correttezza e condivisione; si propone, infine, di agire anche e soprattutto con il pensiero rivolto alle generazioni che verranno.

TQ si è raccolta, dunque, non attorno a istanze estetiche, bensì politiche e sociali. Questo non è, infatti, un movimento artistico o letterario nel senso novecentesco del termine, ma un gruppo di intellettuali e lavoratori della conoscenza che ha l’ambizione di intervenire nel cuore della società italiana e nel tessuto ormai consunto delle sue relazioni materiali, di indicarne con maggior forza le lacerazioni – partendo dalla sistematizzazione della provvisorietà lavorativa, la vera ferita generazionale su cui si sono incistati molti dei mali contemporanei – e di avanzare una nuova visione operativa della cultura, in grado di contrastare finalmente l’incessante svalutazione che ha subito il concetto stesso di cultura e il ruolo di chi la produce e la diffonde. TQ considera la cultura un bene comune come lo è l’acqua: un bene a cui l’accesso deve essere universale e tendenzialmente gratuito e la cui gestione deve essere rigorosamente laica e basata sulla competenza. Solo in questo modo, solo combattendo ogni contrapposizione tra derive populiste e torri d’avorio, tra semplicismi anti-intellettuali e snobismi bizantini, si potrà arginare il dilagante disprezzo per il rigore e la fatica che lo studio richiede e restituire all’opinione pubblica adeguati strumenti di lettura del nostro tempo. Anche a questo scopo TQ promuoverà seminari pubblici sui saperi sia umanistici che scientifici ed economici, non solo in una prospettiva di interdisciplinarità ma anche e soprattutto di critica dei saperi stessi.

Nell’intento, poi, di contrastare una preoccupante identificazione tra qualità e quantità in ambito culturale, un ricorso esclusivo a misurazioni numeriche, economicistiche, della conoscenza, TQ si impegna a praticare e a pretendere l’uso di filtri critici in grado di riconoscere e premiare la qualità. Per questo TQ adotta come uno dei suoi principi d’azione la promozione della bibliodiversità, difendendo la complessità e la varietà delle scritture in un panorama editoriale prevalentemente orientato ai criteri estetici e produttivi del largo consumo.

Questo non è un appello che basti firmare: questo è un invito, aperto a tutti coloro che lavorano nell’ambito della cultura e delle arti, a pensare e ad agire assieme, deponendo egoismi e rivalità; a mettere in gioco parte del proprio tempo e in discussione il proprio ruolo artistico o intellettuale; a essere fortemente, fieramente cittadini, operando da mediatori tra i saperi, intervenendo nel dibattito politico, immaginando nuovi modelli di pratiche sociali. È un invito che estendiamo poi a tutto il Paese, un invito al dialogo e alla formazione di comitati TQ, rivolto a tutte le categorie di trenta-quarantenni che vorranno lavorare assieme a noi: dai ricercatori agli economisti, dagli artisti di altre discipline ai lavoratori dello spettacolo, dagli insegnanti agli operai, dai free lance ai precari del terziario avanzato – molti di loro, proprio come noi, alle prese con una somma ennesimale di ruoli distinti: nella stessa giornata, più volte al giorno.

In questo tempo di emergenza l’adesione a TQ si fonda dunque su un impegno etico in vista di un’azione politica, su un passo personale in vista di impegni collettivi. Siamo ormai pienamente convinti, infatti, che non sia più sufficiente dedicarsi ciascuno per sé, con distaccata purezza, all’arte e alla letteratura: oggi più che mai è necessario praticare un’alternativa umana e comune al lungo sonno della ragione.

per aderire a TQ: tq.adesioni@gmail.com

L’immagine visualizzata è un dipinto di Lucian Freud

La libreria

 

 

 

 

 

 

AC

La Generazione TQ

4 agosto 2011

 

 

 

La generazione TQ è quella dei trenta-quarantenni. Delle donne e degli uomini nati tra il 1970 e il 1980, più o meno. Sotto questo nome è appena nato un movimento: letterario, culturale, di impegno civile…

Voglio introdurre l’appello lanciato da Alessandro Grazioli, Nicola Lagioia, Giorgio Vasta, Giuseppe Antonelli e Mario Desiati, iniziatori di TQ, e pubblicato da “Il Sole 24 Ore” il 18 aprile 2011, con cui in sostanza ha preso corpo il movimento, con un breve racconto in forma di dialogo.

 

Titolo: Le disparità elettive.

 

– Come va il lavoro ragazzo?

– Abbastanza bene… Me la cavo…

– Cosa fai ora di preciso?

– Lavoro in una piccola casa editrice, e poi studio…

– Ah, bene hai continuato a studiare? Cosa studi che non mi ricordo?

– Lettere. Sto scrivendo la tesi specialistica in Linguistica.

– E cosa sarebbe?

–  Eh… Diciamo che è lo studio della lingua. Nel mio caso studio della lingua in contesti d’uso. Mi piace.

– E poi cosa andresti a fare con questo studio?

– Direi il ricercatore, se mi va bene…

– Ah, ho capito… E ti piace?  (con tono dispiaciuto)

– Sì sì, molto!

– Va be’ va be’… E lì nella casa editrice non possono tenerti?

– Non lo so, per ora sto collaborando con loro e il lavoro va bene.

– Cosa ti fanno fare?

– La correzione delle bozze.

– La correzione delle bozze… (perplesso)

(silenzio)

– Ma cosa guadagni?  (alzando il tono di voce)

– Mi danno un buon rimborso spese.

– È dura, è dura per tutti al giorno d’oggi! L’importante è che qualcosa fai dai… Da andare avanti…

– Sì, sì, anche se sono ancora abbastanza giovane e ora la mia priorità è lo studio.

– Anche te non potevi diventare un ingegnere?  (ridendo)

– Penso di no.

– È che loro lavorano, e guadagnano bene… (con tono didascalico)

– Ma sa, io credo che in un buon paese ognuno dovrebbe poter impegnarsi per raggiungere i propri desideri. Avere la possibilità di seguire la propria strada.

– Per carità, non dico di no ma…

– E invece lei come sta? Il suo lavoro?

– Benone ragazzo anche se… Sai noi rappresentanti non lavoriamo più come una volta… È crisi anche per noi!  (ridendo)

 

 

 

 

L’appello

Gli intellettuali, si sa, amano piangersi addosso. Se la prendono con la cultura di massa, con lo strapotere della televisione, con i bestseller facili che dominano le classifiche di vendita. Gli intellettuali delle ultime generazioni, poi, sono anche peggio: se la prendono con tutte queste cose e – in più – con gli intellettuali delle generazioni precedenti, che non si decidono a cedere il passo.

Questo non è un Paese per giovani – è vero – e tantomeno è un Paese per intellettuali. Ma forse il modo migliore per reagire a questa emarginazione non è continuare a denunciarla come uno scandalo – il fatto è sotto gli occhi di tutti, e a scandalizzarsi siamo sempre gli stessi – quanto piuttosto cercare di uscire dall’angolo.

Tanto più che, per chi è nato dagli anni Sessanta in poi, non c’è un tempo andato da rimpiangere. Il silenzioso ma incessante movimento tellurico che ha segnato la fine della società letteraria come l’avevano conosciuta i nostri padri e ha cambiato radicalmente i rapporti tra chi produce cultura e chi la promuove, la veicola, la vende, la consuma è per noi un dato di fatto. È il rumore di fondo che ha accompagnato la nostra crescita e la nostra formazione.

Ma appunto come un rumore abbiamo cercato sempre di allontanarlo, aggrappandoci alle nostre letture e a un’identità ereditaria. Ciò fa di noi una generazione di intellettuali che forse Pasolini avrebbe definito “mutati” o “mutanti”. Coloro che, vale a dire, hanno eletto idealmente a propri maestri molti grandi del Novecento, ma hanno avuto per maestra di vita un’epoca già completamente diversa. Una parte di ognuno di noi vive insomma da tempo al di là del guado. Siamo sicuri che sia la parte peggiore? Forse è proprio questa natura anfibia che – grazie a uno sguardo al tempo stesso interno ed esterno – potrebbe consentirci di decifrare meglio il mondo che ci circonda. Forse è proprio da questa natura che si potrebbe ripartire per rimettere a fuoco la figura dell’intellettuale e il suo ruolo in una società così diversa. Forse – dopo che per anni ci siamo letti l’un l’altro e affrontati (e scontrati) a distanza – i tempi sono maturi per parlarne tutti insieme. Sui palchi dei festival e delle presentazioni letterarie, sulle pagine e tra i commenti dei blog, oppure nel privato di incontri faccia a faccia o attraverso intensi scambi di mail, ne abbiamo già discusso molto, con la crescente consapevolezza che proprio intorno a questi punti si giocasse una partita fondamentale.

Forse adesso è il momento giusto, al di là dei singoli libri e delle poetiche di ognuno, per affrontare questi temi in maniera meno occasionale e aprire tra di noi un confronto che arrivi a produrre idee, proposte, progetti nuovi. Smettere di piangere sulle macerie di un’epoca passata e provare insieme a ricostruire un orizzonte comune: frastagliato, contraddittorio, conflittuale, ma dinamico, vitale, in contatto con la realtà. Per questo abbiamo deciso di organizzare una serata di dibattito in cui approfondire argomenti che – immaginiamo – ci terranno molto impegnati negli anni a venire: Generazione TQ, un seminario che si terrà il prossimo 29 aprile nella sede romana della Laterza e coinvolgerà oltre un centinaio di scrittori, critici, editori trenta-quarantenni.

L’iniziativa nasce, più che da un desiderio, da qualcosa che somiglia a un bisogno. Il bisogno di alzare la testa dal lavoro di tutti i giorni e provare a discutere insieme di alcune questioni generali, indispensabili per dare un senso a quello che facciamo. Un momento di scambio che intende far tesoro della pluralità di percorsi ed esperienze per individuare un orizzonte comune: un nucleo di idee dalle quali ripartire. Nessuna intenzione di formare scuole movimenti correnti o simili: solo la volontà di superare la linea d’ombra che finora ci ha protetti e uscire finalmente allo scoperto.

Trenta quaranta – Siamo cresciuti in ordine sparso, senza un’ideologia comune. Senza metodi, strumenti, terminologie condivise: e questo forse è stato un bene. Ma l’individualismo al quale siamo stati addestrati rischia ora di renderci afasici: ognuno chiuso nel suo recinto, quale impatto abbiamo sulla realtà? Siamo intellettuali muti o mutanti? E soprattutto: ha ancora un senso parlare di intellettuali? (oggi va più di moda esperti).

Tale e quale – Manchiamo di un’identità collettiva che ci contrapponga alle generazioni precedenti. Quasi tra noi e loro ci fosse una fluida continuità: quali i padri, tali i figli. Ma – appunto – quali sono i nostri padri? Alle nostre spalle, in fondo, non c’è nulla di così solido e monumentale; semmai un tempo poroso, permeabile e proteiforme: e forse questo non è un male. Ma di qui nasce l’assenza di contrapposizione; di qui la difficoltà di (auto)definizione. Può esserci un impegno senza conflitto? E soprattutto: ha ancora un senso parlare di impegno? (oggi va più di moda etica).

Tanto quanto – Abbiamo in comune un immaginario nato dagli stessi film e telefilm, fumetti e cartoni animati, dagli stessi comici e gruppi rock, ma spesso non condividiamo le stesse letture. Siamo abituati a mescolare cultura alta e bassa, sublime e triviale: e forse anche questo non è un male. Ma poi, nel momento di giudicare un prodotto culturale, diventiamo spesso esigenti e aristocratici. A quale idea di cultura pensiamo quando produciamo qualcosa? E soprattutto: ha ancora un senso produrre cultura? (oggi va più di moda comunicazione).

Tarantino quentin – L’ultimo movimento letterario percepito dai mass media è stato quello del pulp e dei cannibali. Perché preventivamente confezionato come operazione editoriale; perché supportato dal riferimento comune a un film di grande successo come Pulp fiction; perché i media hanno cavalcato l’immagine “giovane” degli scrittori coinvolti. È questo che devono fare la letteratura, la critica, l’editoria per sopravvivere in un contesto dominato da logiche spettacolari? Ovvero: come si fa a incidere sulla realtà se non si risveglia l’interesse dei media e dunque del pubblico? E soprattutto: esiste ancora un pubblico della letteratura? (oggi va più di moda dire mercato).

Tutto questo – Tutto questo e molto altro secondo noi andrebbe discusso insieme, alla ricerca di qualche proposta – non snobistica, non autoreferenziale, non elitaria o velleitaria – da lanciare nello spazio sfinito del nostro dibattito culturale. Per provare a fare qualche passo avanti e a proiettarci finalmente oltre la linea d’ombra (oggi va più di moda parlare di futuro).

 

 

 

Le immagini visualizate sono dipinti di Lucian Freud

 

 

 

 

 

La libreria

 

 

 

 

 

 

AC