Archive for the ‘Elliot’ Category

Fuego!, Marilù Oliva

27 agosto 2011

 

 

Al suo terzo romanzo, Fuego!, Marilù Oliva aggiunge un tassello alla serie thriller dedicata a Elisa Guerra detta la “Guerrera”.

Piccola, bruna, graziosa, i begli occhi dal taglio orientale, abbarbicata su tacchi da 12 cm, Elisa, laureanda in criminologia, è una ragazza tutta pepe ma anche tutta crisi. Qui la troviamo, calata nel sogno di diventare giornalista, sbarcare il lunario a Bologna consegnando in motorino le pizze, con un compenso di otto euro in nero all’ora, sotto padrone pakistano, il “pancione” Atef – mestiere di cui si vergogna terribilmente -, ma anche passare le notti, lei, fanatica della salsa, in una discoteca latino-americana, il Mulata, dove i tipi perbene scarseggiano decisamente.

L’altra parte della sua personalità è quella formata dalla terribile zia, la prof. Fausta Zenzero, che le ha fatto imparare a memoria tutta la Divina Commedia, un canto al giorno. Così la ragazza cita Dante a piè sospinto: Dante ha una soluzione per tutto!

Tutto questo non facilita però la conquista, da parte della nostra giovane detective, dell’ispettore di polizia Gabriele Basilica, tipo sposato e scontento del suo noioso matrimonio.

Questo giallo intreccia il suo racconto attorno alle indagini dei suoi simpatici personaggi, ma non si risolve in questo: è attento e interessato a descrivere la città dove si ambienta, le vie, le viuzze e la folla variegata della Bologna notturna. Notti di sballo e morte, notti di indagini per una giovane laureanda in cerca di posto fisso e salario.

 

Il testo è tratto dall’aarticolo di Giovanni Pacchiano sul Sole 24 Ore del 21-08-11

 

 

 

Il libro

Marilù Oliva, Fuego!, Elliot, Roma, 2011

 

 

 

Il precedente successo dell’autrice

Tu la pagaràs, Elliot, Roma, 2010

 

 

 

L’autrice

 

La casa editrice

 

 

 

 

La libreria

 

 

 

 

 

AC

Vita avventurosa di Charlie Summers, Paul Torday

4 marzo 2011

 

Vita avventurosa di Charlie Summers è il romanzo dello scrittore inglese Paul Torday edito da Elliot. Già autore del bestseller internazionale Pesca al salmone nello Yemen, che ha fatto di lui il nome nuovo per eccellenza della letteratura inglese, Torday ripropone con Elliot Edizioni un nuovo sicuro successo.

Dopo avere lasciato l’esercito, Hector Cletwide Tolbot – Eck per gli amici – accetta un’offerta di lavoro dal suo vecchio commilitone Bilbo, il quale gli affida il settore investimenti della sua compagnia hedge fund. In realtà Eck ne capisce poco o nulla di finanza e tutto quello che deve fare è fornire a Bilbo contatti interessanti tra i suoi numerosi amici e conoscenti della buona società inglese. Al resto – ovvero convincerli a investire ingenti somme di denaro – penserà Bilbo.

 


In breve tempo Eck si ritrova ricco e soddisfatto, anche se all’orizzonte cominciano a profilarsi le nubi di un’imminente crisi economica. Durante un viaggio nella Francia del Sud dedicato al golf e agli affari in compagnia del suo raffinato e benestante amico Henry, Eck fa la conoscenza di Charlie Summers, un uomo affascinante e allo stesso tempo improbabile, che si sta nascondendo in Francia in seguito a un “equivoco” con l’ufficio britannico delle tasse.

 


Charlie vive di espedienti e progetti campati in aria e questa sua eccentricità diverte i due amici che lo invitano ad andarli a trovare qualora si trovasse a passare nel Gloucestershire. Poco tempo dopo, Charlie si presenta a casa di Henry chiedendo un posto dove stare e un po’ di soldi per lanciare in quella zona il suo ultimo progetto: una linea giapponese di cibo per cani.

 


I destini di Eck e di Charlie Summers a questo punto si incrociano di nuovo in un modo assolutamente inaspettato. Per Eck è anche l’occasione per domandarsi se lui e Charlie, impegnati in lavori così volatili, siano poi davvero così diversi.

 

 

Le immagini visualizzate si riferiscono a opere di René Magritte

 

 

Il libro

Paul Torda, Vita avventurosa di Charlie Summers, Roma, Elliot, 2011

 

 

La casa editrice

 

 

La libreria

 

 

 

AC

 

Mia madre è un fiume, Donatella Di Pietrantonio

25 gennaio 2011

Mia madre è un fiume racconta di una donna, ormai anziana, che mostra i primi segni di una malattia che le toglie i ricordi, l’identità, il senso stesso dell’esistenza.

È tempo per la figlia di prendersi cura di lei e aiutarla a ricostruire la sua storia, la loro storia. Inizia così il racconto quotidiano di piccoli e grandi avvenimenti, a partire dalla nascita della mamma, Esperia, e delle sue cinque sorelle, nate da un reduce tornato comunista dalla Grande Guerra e da una contadina dritta ed elegante, malgrado le fatiche della campagna, degli animali e della casa.

I fili delle loro esistenze si svolgono dagli anni Quaranta fino ai nostri giorni, in un Abruzzo “luminoso e aspro”, che affiora tra le pagine quasi fosse una terra mitologica e lontana.

Giorno dopo giorno sfilano i personaggi della famiglia, gli abitanti del piccolo paesino ancora senza acqua né luce; personaggi talmente legati a una terra avara, da tollerare a malapena trasferimenti a breve distanza – la ricerca di un lavoro, l’occasione di poter frequentare una scuola in città – partenze che si trasformano in vere emigrazioni con il solo scopo del ritorno.

 

 

Il libro

Donatella Di Pietrantonio, Mia madre è un fiume, Elliot, Roma, 2011

 

L’autore

Donatella Di Pietrantonio è nata e ha trascorso l’infanzia ad Arsita, un paesino della provincia di Teramo, e vive a Penne. Scrive dall’età di nove anni racconti, fiabe, poesie e un romanzo, questo. Nella vita fa la dentista per bambini.

 

Ascolta Radio3, Fahrenheit (20/01/2011) Ascolta la puntata

 

 
AC                                                                   LibOn.it

 

Fonte: Elliot.edizioni.comRadio3.rai.it


 

 


Anthill, Edward O. Wilson

12 gennaio 2011

Anthill è il formicaio, e le formiche sono straordinarie protagoniste di quasi la metà del libro, insieme a un ragazzino (Raff) che cresce in una regione ancora selvaggia dell’Alabama e diventa grande cercando un modo per difendere l’ambiente naturale ricco di biodiversità in cui ha trascorso la propria infanzia. La regione del Nokobee, con le sue foreste di pini, il glorioso sottobosco, gli acquitrini, gli scoiattoli e i molti uccelli.

A volte capita di incontrare autori che sfuggono alla possibilità di centrarli in ambiti o categorie, che compongono opere che conciliano scienza e arte, immaginazione e dati di fatto. Approfondimento dell’animo umano e studio dei fenomeni del mondo. Autori che vedono queste cose come parti dello stesso complesso discorso e le mescolano perché si illuminino a vicenda.

Edward O. Wilson, oggi ottantunenne scienziato e professore americano, tra i più famosi entomologi del mondo e forse il più grande esperto di formiche mai esistito, è uno di questi autori. Già vincitore due volte del Premio Pulitzer per opere di non fiction, ha scritto quest’anno un romanzo: Anthill (tradotto in italiano da Elliot).

La parte centrale dell’opera, strepitosa e unica nel suo genere, è un romanzo nel romanzo: un bravo professore che sprona Raff ad approfondire le sue ricerche entomologiche. Ne nascono Le cronache del formicaio: resoconto epico dell’ascesa e caduta di diversi gruppi di formiche che tra loro combattono e si succedono. Il tutto narrato in termini a un tempo accademici e omerici. Scientificamente precisi ma anche del tutto appassionati.

 

Articolo di Giorgia Grilli apparso sul Tuttolibri uscito con La Stampa sabato 8 gennaio 2011

 

Il libro

Edward O. Wilson, Anthill, Elliot, Roma, 2010

 

Il libro in lingua

Edward O. Wilson, Anthill, WW Norton & Co, New York, 2010

 

L’autore

Edward Osborne Wilson (Birmingham, 10 giugno 1929) è un biologo statunitense. Si è occupato di vari temi di ricerca, quali la Mirmecologia (una branca dell’entomologia); è noto in particolare per la fondazione del programma di ricerca della Sociobiologia. Wilson definì il campo di studi della Sociobiologia, intesa come lo studio sistematico, da una prospettiva biologico-evoluzionistica, del comportamento sociale.

 

 

AC                                                         LibOn.it

Fonte: Tuttolibri, La Stampa, sabato 8 gennaio 2011, pag. V