Archive for the ‘Il Mulino’ Category

Dieci pensieri sulla politica, Roberto Esposito

28 febbraio 2011

Dieci pensieri sulla politica è il saggio che contiene le riflessioni di Roberto Esposito, pubblicato dal Mulino.

Politica, democrazia, responsabilità, mito, opera, parola, male, occidente, comunità e violenza: sono parole chiave della tradizione filosofica e politica occidentale sulle quali Roberto Esposito sviluppa qui le proprie riflessioni.

 


Ciascuno di questi termini forti viene sottoposto a un’attenta analisi volta a mostrarne la stratificazione di senso e a illustrarne l’attuale costellazione di significati. Grazie alla contaminazione fra linguaggi assai diversi – letteratura, estetica, teologia, filosofia, antropologia – e all’interrogazione di alcuni fra i maggiori pensatori del ‘900, da Heidegger a Bataille, da Weber ad Hannah Arendt, l’autore fornisce un contributo di grande finezza nel ridefinire la mappa concettuale della modernità.

 

 

Le illustrazioni sono di Anna Godeassi. LibOn le pubblica d’accordo con l’autrice

 

 

 

Il libro

Roberto Esposito, Dieci pensieri sulla politica, Il Mulino, Bologna, 2011

 

 

L’autore

 

 

 

Roberto Esposito insegna Filosofia teoretica all’Istituto Italiano di Scienze Umane.

 

 

 

Altre opere dell’autore

Categorie dell’impolitico (Il Mulino, II ed. 1999), Communitas. Origine e destino delle comunità (II ed. 2006), Immunitas. Protezione e negazione della vita (2002), Bios. Biopolitica e filosofia (2004), Terza persona. Politica della vita e filosofia dell’impersonale (2007), Pensiero vivente. Origine e attualità della filosofia italiana (2010), pubblicati da Einaudi.

 

 

La libreria

 

 

 

AC

Non per profitto, Martha Nussbaum

23 febbraio 2011

 

Non per profitto è  l’ultima opera di Martha Nussbaum, docente di Law and Ethics all’Università di Chicago. Qui il post di LibOn sul libro in lingua originale.

Assistiamo oggi a una crisi strisciante, di enormi proporzioni e di portata globale, tanto più inosservata quanto più dannosa per il futuro della democrazia: la crisi dell’istruzione.

 


Sedotti dall’imperativo della crescita economica e dalle logiche contabili a breve termine, molti paesi infliggono pesanti tagli agli studi umanistici ed artistici a favore di abilità tecniche e conoscenze pratico-scientifiche. E così, mentre il mondo si fa più grande e complesso, gli strumenti per capirlo si fanno più poveri e rudimentali; mentre l’innovazione chiede intelligenze flessibili, aperte e creative, l’istruzione si ripiega su poche nozioni stereotipate.

 


Non si tratta di difendere una presunta superiorità della cultura classica su quella scientifica, bensì di mantenere l’accesso a quella conoscenza che nutre la libertà di pensiero e di parola, l’autonomia del giudizio, la forza dell’immaginazione come altrettante precondizioni per una umanità matura e responsabile.

 


 

Le immagini visualizzate sono fotografie di Elliott Erwitt: LibOn le associa al titolo del libro in quanto fotografie “puramente estetiche e disinteressatamente attente al bello”.

 

Il post di LibOn sul libro in lingua originale

 

 

Il libro

Martha Nussbaum, Non per profitto, Il Mulino, Bologna, 2011

 

 

L’autrice


 

Martha Nussbaum -la sua pagina sul sito dell’Università di Chicago

 

L’università

University of Chicago Law School

La libreria

 

 

 

AC

Donne del Risorgimento, Il Mulino

22 febbraio 2011

 

Donne del Risorgimento è il libro scritto da undici autrici di Controparola e pubblicato dal Mulino in onore e in memoria delle grandi figure femminili del Risorgimento italiano.

Controparola è un gruppo di giornaliste e scrittrici nato nel 1992 per iniziativa di Dacia Maraini. Altri volumi collettivi del gruppo sono Piccole italiane (Anabasi, 1994), Il Novecento delle italiane (Editori Riuniti, 2001), Amorosi assassini (Laterza, 2008).

 

Le donne risorgimentali sono figure eroiche, di grande notorietà (all’epoca), celebrate da statue in un grande numero di piazze italiane. Ora la loro memoria si sta affievolendo.

Questo volume presenta al lettore alcune di queste protagoniste dimenticate: in quattordici capitoli di taglio narrativo, le autrici ricostruiscono il profilo biografico e l’azione di altrettante donne: Georgina Saffi, Clara Maffei, Sara Nathan, Anita Garibaldi, Cristina di Belgioioso, Teresa “Testa di lana”.

Rileggendo insieme la vita di lavandaie e giornaliste, aristocratiche e massaie, italiane e inglesi, il libro riconosce in queste figure una comune disposizione in certo senso proto-femminista che le portò volta a volta a impegnarsi in battaglie sociali, a lottare contro la prostituzione, a prendere le armi vestite da uomini, accanto agli uomini.

 

 

Il libro

E.Doni, C.Galimberti, L.Levi, D.Maraini, M.S.Palieri, L.Rotondo, F.Sancin, M.Serri, F.Tagliaventi, C.Valentini, Donne del Risorgimento, Il Mulino, Bologna, 2011

 

Controparola

 

 

La libreria

 

 

 

 

AC

Il secolo del rumore, Stefano Pivato

16 dicembre 2010

Il secolo del rumore, originale saggio di Stefano Pivato, mette in luce il passaggio da una società del silenzio a una società del rumore, che avviene tra Ottocento e Novecento.

Se potessimo riproiettarci nel mondo di un paio di secoli fa, la prima cosa che ci colpirebbe sarebbe il silenzio totale.

La rivoluzione industriale e tecnologica ci ha abituati al rumore. La nostra vita, il nostro stare-nel-mondo è ormai interamente assuefatto a una dimensione rumorosa, farcita di decibel.  Quasi lo sentiamo necessario e saturiamo con musiche “di sottofondo” spazi privati e pubblici per sfuggire al disagio del silenzio.

Ricorrendo a una sorprendente messe di testimonianze, Pivato racconta come il rumore segni il Novecento, non solo con i frastuoni della modernità industriale, ma anche con il fragore della guerra (celebrato dai futuristi) e della moderna politica di massa.

Stefano Pivato è professore di Storia Contemporanea, attualmente Rettore dell’Università di Urbino. Con Il Mulino ha pubblicato Il nome e la storia (1999), La storia leggera (2003), Il Touring club italiano (2006). Da ultimo ha curato con L. Veri e N. Cangi, In bicicletta. Memorie sull’Italia a due ruote (2009).

Stefano Pivato, Il secolo del rumore, Il Mulino, Bologna, 2011

AC                                                   LibOn.it

Cavour e Bismarck, Gian Enrico Rusconi

16 dicembre 2010


Cavour e Bismarck compie un’analisi degli avvenimenti italiani del 1859-61 e di quelli tedeschi del 1866, mostrando attraverso l’esame dei processi di decisione politica e dell’azione diplomatica guidati rispettivamente da Cavour e Bismarck lo stile a un tempo parallelo e differente adottato dai due leader nel perseguire l’unificazione del proprio paese.Il volume si chiude con una valutazione del loro stile di governo, posto sotto segno di quel “cesarismo” tuttora presente nella politica contemporanea.

Il volume uscirà per Il Mulino nel prosimo Febbraio 2011. LibOn, la libreria universitaria internazionale di Genova, presenta la sua pubblicazione.

Gian Enrico Rusconi è professore emerito dell’Università di Torino, Gastprofessor nella Freie Universität di Berlino ed editorialista della Stampa.

Con Il Mulino ha pubblicato (volumi presentati qui da LibOn): La teoria critica della società (1968), Scambio, minaccia, decisione (1984), Rischio 1914 (1987), Se cessiamo di essere una nazione (1993), Resistenza e postfascismo (1995), Patria e repubblica (1997), L’azzardo del 1915 (2005).

 

Gian Enrico Rusconi, Cavour e Bismarck, Il Mulino, Bologna, 2011

 

 

AC                                                              LibOn.it