Archivio per la categoria ‘Polity Press’

What is Gender History?, Sonia O. Rose

22 luglio 2011

 

 

 

 

In What is Gender History, Sonia O. Rose, professore emerito all’University of Michigan, spiega la differenza tra sesso e genere.

In alcuni luoghi fatica ancora a farsi largo la differenza tra sesso e genere, quando la si trova pare radicata nei dualismi maschio/femmina e uomo/donna, mentre le critiche nei suoi confronti risultano perlopiù assenti: perché allora non tentare di chiarire cos’è il genere, in particolare di quale storia riesce a vantarsi.

Non si tratta di iniettare nella storia un po’ di storia delle donne, bensì di comprendere come la storia delle donne e la storia degli uomini incida sulla storia, o su più storie, mettendo in forse la neutralità dello stesso concetto di storia rispetto al genere, nonché dello stesso concetto di genere rispetto alla storia. Facendo storia del genere, si chiariscono le intersezioni tra classe, genere, “razza”, le utilizzazioni delle identità e pratiche sessuali a fini economico-politici (nonostante occorra valutare le incidenze degli ultimi sui primi), le malleabilità della distinzione sesso/genere, le trasformazioni biologiche del concetto di sesso, le variazioni delle interpretazioni di “uomo” e “donna”.

Che la storia delle donne appiccicata alla storia delle donne sia largamente insufficiente a donarci le necessarie conoscenze del nostro passato diviene palese quando si affrontano l’”uomo” e la “mascolinità” in senso diacronico: oltre le tante norme socio-culturali che sembrano decretare pensieri e comportamenti del vero uomo nelle diverse epoche fino all’effettiva o fantasticata crisi del maschio e della mascolinità, si danno modi di essere mascolini che evadono dai corpi maschili sia per concretizzarsi in relazioni di potere, sia lontane da quelle tra “uomo” e “donna”, sia per concedere maggior spazio un’emotività, aliena a un certo ideale di uomo. Tuttavia, rimane innegabile che la costruzione non solo dell’”uomo”, ma anche della “donna” viene a rappresentare un fattore cruciale nell’analisi storica delle cittadinanze, guerre, industrializzazioni, nazioni, relazioni lavorative, rivoluzioni.

 

Il testo è tratto dall’articolo di Nicla Vassallo pubblicato sul Domenicale del Sole 24 Ore il 17-07-11

 

 

 

 

Il libro

Sonia O. Rose, What is Gender History, Polity Press, Cambridge, 2010

 

 

 

 

L’autrice

 

 

 

 

 

La libreria

 

 

 

 

 

 

AC

Merchants of culture, John B. Thompson

30 marzo 2011

Merchants of culture è un denso e importante saggio di John B. Thompson dedicato all’analisi del mercato editoriale.

Profonde modificazioni stanno intervenendo in questo settore, e avranno – anzi, hanno già – risvolti culturali pesanti e determinanti.


Tuttavia, con le analisi del mercato editoriale bisogna essere cauti: perché quasi sempre non sono analisi ma anatemi e verdetti. Spesso non si tratta di argomentazioni scientifiche. Qualcuno ogni tanto coglie segnali, è vigile e sensibile sui cambiamenti: è appena uscito per Marsilio l’ultimo libro di Alfonso Berardinelli, Non incoraggiate il romanzo.

Il saggio di John B. Thompson invece analizza i fenomeni argomentando, documenti e prove alla mano. È un lucido studio dei meccanismi che dominano questa industria. Aggiornato, pieno di dati, scritto in modo neutrale. Non che la neutralità sia un gran valore di per sé, ma in alcuni casi può aiutare a capire.


Innanzitutto, l’autore ci dice che ha cambiato faccia la vendita dei libri. Le piccole librerie, nella maggior parte dei casi, spariscono, a vantaggio della grandi catene (modello anche questo in crisi: leggi il post di LibOn a riguardo) e dei rivenditori online. Chiaramente come si vende influisce su cosa si vende. Allora sono preferiti libri ad alta rotazione e autori considerati brand sicuri. Al mercato tascabile si è sostituito l’hardcover di massa: pochi titoli in grado di vendere elevate o elevatissime quantità di copie (The Winner Takes it All). Sono i megaseller alla Dan Brown.

Tende a sparire il catalogo, insieme a quegli autori sui quali l’editore investe più a lungo termine. Sembra sparire il tempo stesso dell’editoria.

Quanto detto descrive la situazione del mercato editoriale britannico e americano.

Il libro

John B. Thompson, Merchants of culture, Polity Press, Cambridge, 2010

L’autore

La casa editrice

Polity

La libreria

AC